fbpx
Featured Video Play Icon

Marcos “El Chino” Maidana: il cuore oltre l’ostacolo

Se c’è una cosa che Marcos sapeva fare era gettare il cuore oltre l’ostacolo. E andare a riprenderselo. Maidana è sempre stato un pugile dal temperamento incredibile, dall’orgoglio smisurato, dotato di una forza mentale rara, capace di fargli superare spesso i suoi stessi limiti.

Marcos Renè Maidana è nato il 17 Luglio del 1982 a Santa Fe, Margarita, in Argentina. “El Chino”, come è sempre stato soprannominato per via dei tratti somatici, è cresciuto circondato da povertà e crimine, ma ha saputo emergere da una condizione di vita precaria grazie ad una volontà incrollabile.

Ha iniziato a boxare tra i 14 e i 15 anni, facendosi subito conoscere per la capacità di mettere al tappeto gli avversari. Da dilettante, ha collezionato un record di 86 incontri vinti e solo 4 persi. Durante questa fase, il giovane Maidana incrociò i guanti per ben quattro volte contro un altro giovane talento argentino, Lucas Mathysse, sconfiggendolo per ben tre volte su quattro incontri.

Da professionista, nei primi 17 incontri mise ko l’avversario per ben 16 volte. Numerose sono le battaglie ingaggiate da Maidana sul ring. Ma negli occhi degli appassionati sono rimasti impresse due sue imprese: il “pestaggio” di un Broner salito sul ring con la sciocca convinzione di poter sbrigare la pratica “Chino” senza alcuna fatica e l’epico primo match contro il grande Floyd Mayweather Jr., una battaglia durissima tra due pugili stilisticamente agli estremi opposti, che vide Maidana impegnare Floyd come nessuno mai, con la sola eccezione di Castillo.

Marcos non è stato un pugile come tutti gli altri. Ha semplicemente saputo andare oltre i suoi limiti – limiti che erano soprattutto tecnici, non certo caratteriali – esattamente come il suo famoso overhand era in grado di superare le guardie avversarie.

Stilisticamente il Chino è sempre stato un brawler. In grado di scagliare un numero di colpi impressionante, da angolazioni inusuali, talvolta dettate dalla foga ma spesso da una ben precisa scelta stilistica. Negli anni Maidana ha saputo migliorare e affinare il suo stile – complice l’ottimo lavoro svolto dal trainer Robert Garcia, fratello di Mikey Garcia – fino a divenire un fighter più completo, capace di ingaggiare battaglie furiose come di prendere il tempo e rientrare con il suo potente destro d’incontro.

Il resto lo ha sempre fatto il cuore, accompagnato da una mente solida, da atleta vero.

Quando poi le motivazioni sono venute meno, non ha fatto altro che ritirarsi, quasi in punta di piedi, con grande dignità e onestà, ma soprattutto rispetto, per sé stesso e per chi lo ha sempre seguito con passione: “Ma solo quelli che sanno davvero quale sia una vera sfida, come quelle che ho sempre avuto, possono capire che devi essere assolutamente motivato per approcciarle. Solo attraverso un grande sforzo fisico e mentale puoi condividere il ring con i migliori del mondo se vincere è il tuo obiettivo. E io ho sempre voluto vincere. Oggi non mi sento abbastanza motivato, non ho il fuoco dentro di me per tentare di scalare nuovamente quelle montagne”.

Di recente si è parlato di un suo eventuale rientro. Lui stesso ha manifestato l’intenzione di salire nuovamente sul ring. Nostalgia delle sedici corde, voglia di riprovare le vecchie sensazioni che solo il quadrato può regalarti, problemi economici: le ipotesi sono molteplici ma di certo non c’è nulla, se non una condizione fisica che attualmente non consentirebbe a Marcos di risultare competitivo.

Maidana, che oggi compie 36 anni, appare decisamente imbolsito, con una marcata circonferenza addominale e movimenti lenti e macchinosi. La speranza è che ponderi bene se tornare a calcare le scene (anche se pare già aver preso la sua decisione tornandosene a casa in Argentina dopo gli ultimi allenamenti alla Mayweather Boxing Club degli scorsi mesi) evitando di deturpare il ricordo delle sue gesta, come numerosi altri pugili hanno fatto prima di lui.

Auguri Chino!

Condividi su:
  • 353
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X