fbpx

Tra tecnici sopraffini e micidiali picchiatori, i 10 superwelter migliori di sempre!

Considerata da molti una categoria “di passaggio”, poiché racchiusa tra quelle più prestigiose e storicamente rilevanti dei welter e dei medi, la divisione dei superwelter ha saputo regalarci sin dalla sua introduzione, risalente agli anni ’60, numerose sfide memorabili tra grandissimi campioni. Benché molti fuoriclasse abbiano effettivamente utilizzato tale categoria come trampolino di lancio prima di aumentare di peso e stabilizzarsi al “piano di sopra”, non sono mancati tecnici sopraffini e micidiali picchiatori che proprio tra i superwelter hanno espresso il massimo del loro potenziale. A ridosso dell’affascinante riunificazione totale delle cinture in programma per questa notte, andiamo dunque a proporvi la nostra speciale classifica dei 10 superwelter più forti di ogni tempo!

10) Harry Simon

Questo possente picchiatore della Namibia non è molto conosciuto al di fuori delle cerchie di appassionati “hardcore”, ma era un’autentica forza della natura. Campione del mondo tanto nei superwelter quanto nei medi, non fu mai sconfitto da professionista. La sua carriera fu purtroppo interrotta sul più bello da un tragico incidente d’auto che costò la vita a una famiglia di turisti belgi e gli procurò una condanna per omicidio colposo.

9) Julio Cesar Vasquez

Il picchiatore mancino nato a Santa Fe non sarà stato un fine tecnico, ma sapeva colpire come un martello. Pur essendo un po’ ripetitivo nelle azioni infatti, Vasquez non dava tregua al rivale di turno, lo investiva col suo pressing e alla lunga lo costringeva in “survival mode”. Un anno dopo aver dato una dura lezione a un Ronald Wright non ancora maturo, fu detronizzato dal fuoriclasse Pernell Whitaker, spintosi fino ai superwelter in cerca di gloria.

8) Ronald Wright

Pur avendo perso contro i due pugili che lo seguono in classifica, “Winky” Wright merita una posizione migliore in virtù della sua carriera che attraverso un lento processo di crescita lo condusse a laurearsi campione unificato. Non particolarmente potente, ma estremamente preciso e dotato di workrate eccellente, l’americano ottenne il suo trionfo più significativo con una doppia meritata vittoria sul fortissimo Shane Mosley.

7) Koichi Wajima

Dotato di uno stile a dir poco originale, questo picchiatore giapponese ondeggiava costantemente sul tronco prima di esplodere i suoi colpi improvvisi. Tra le sue “invenzioni”, il gancio sinistro portato dopo essersi piegato sulle gambe fin quasi a toccare il suolo. Ottenne il titolo di campione unificato battendo il nostro Bossi di strettissima misura dando così inizio al suo regno. Indimenticabili le sue due sfide al cardiopalma con Oscar Albarado.

6) Ayub Kalule

Molti appassionati italiani lo ricordano per la vittoria di Ancona su Sumbu Kalambay; altri avranno visto almeno una volta la sua guerra all’arma bianca persa con Davey Moore. Ma la versione migliore dell’atleta ugandese fu quella della prima parte di carriera, quando l’enorme frequenza di durissimi combattimenti a cui fu sottoposto non ne aveva ancora logorato il fisico. Detentore del titolo di The Ring a fine anni ’70, fu un degno avversario di Sugar Ray Leonard.

5) Julian Jackson

Probabilmente il pugile più potente che abbia mai calcato un ring in ottica pound for pound, il “Falco” delle Isole Vergini arrivò troppo presto a giocarsi le sue carte con un mostro sacro come Mike McCallum e fu brutalmente sconfitto. Tale incidente di percorso non gli impedì di dar vita a una stupenda carriera costellata di KO di bellezza abbacinante, alcuni dei quali ottenuti mentre era sotto nel punteggio e appariva in situazione disperata.

4) Sandro Mazzinghi

Sventola anche il tricolore in questa speciale classifica grazie al nostro indimenticabile campione di Pontedera, capace di far sognare milioni di appassionati con le sue emozionanti battaglie. Soltanto un fuoriclasse come Benvenuti riuscì a domarlo nel suo periodo d’oro, ma Sandro non si arrese e tornò campione del mondo con una performance strabiliante davanti a uno stadio San Siro esaurito in ogni ordine di posto.

3) Terry Norris

Qualche fragilità fisica e mentale gli sarà anche costata alcune battute d’arresto, ma “Terrible” Norris è comunque riuscito a dar vita a una carriera portentosa. Particolarmente significative la devastazione sulla “Bestia” Mugabi in un solo round, il pensionamento imposto a suon di pugni all’immenso Sugar Ray Leonard e la spettacolare demolizione del velocissimo Meldrick Taylor. Spaventoso il numero di vittorie col mondiale in palio: ben 19!

2) Mike McCallum

Vero e proprio incubo dei picchiatori della sua epoca, questo campionissimo di origini giamaicane meriterebbe molta più considerazione di quanta comunemente gli viene attribuita. Imbattibile nei superwelter, mise KO pugili del calibro di Kalule, Jackson e Curry e si spinse fino ai mediomassimi vincendo mondiali a ripetizione. La sua trilogia con James Toney iniziò purtroppo quand’era già in leggero calo ma regalò comunque sprazzi di classe infinita.

1) Thomas Hearns

Non è semplice scegliere la categoria di peso in cui collocare il Motor City Cobra poiché dai welter ai mediomassimi le ha percorse tutte con successo, vincendo mondiali e regalando spettacolo ai fan. I superwelter sono però la divisione in cui conserva un record immacolato e in cui ha sconfitto due vere leggende del ring come Wilfred Benitez e Roberto Duran, motivo per cui abbiamo deciso di incoronarlo quale numero uno all time delle 154 libbre!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3 comments

  • Mario Rossi

    De la Hoya?

    • Mario Salomone

      Le cose migliori in carriera De La Hoya le ha fatte nei pesi leggeri e nei pesi welter. Nei superwelter è stato meno tempo, ha combattuto meno match ed è stato meno dominante, quindi vista la nostra scelta di collocare ogni pugile in una sola classifica lui non è stato preso in considerazione per quella delle 154 libbre. Valutai invece attentamente un suo possibile inserimento nella top 10 dei welter quando realizzai la relativa classifica che abbiamo pubblicato un anno e mezzo fa, ma personalmente lo colloco un pelo fuori rispetto ai primi 10.

  • Pingback: Boxe-Mania.com – I 10 migliori superpiuma di tutti i tempi

Rispondi a Mario Rossi Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X