fbpx

La categoria delle leggende: i 10 pesi piuma migliori di sempre!

Dalle straordinarie imprese compiute in gioventù dal prematuramente scomparso Salvador Sanchez alla striscia sconfinata di vittorie del Dio della difesa Willie Pep; dall’aggressività inenarrabile del micidiale picchiatore di Boston Sandy Saddler ai KO da antologia di Juan Manuel Marquez: la categoria dei pesi piuma ha visto tra le sue fila una quantità incredibile di pugili circondati da un alone di leggenda. Alla vigilia dell’imminente mondiale WBC delle 126 libbre, andiamo a ripercorrere i nomi dei più grandi esponenti della storia della divisione con la nostra speciale classifica dei migliori pesi piuma di sempre!

Nota metodologica: vista la difficoltà nel reperire filmati antecedenti e l’evoluzione che il pugilato ha conosciuto rispetto ai primi anni del secolo scorso, sono stati presi in considerazione soltanto i campioni il cui prime può essere collocato a partire dagli anni ’30 del ‘900 in avanti. La classifica non intende quindi sminuire grandi pionieri della categoria come Abe Attell, George Dixon, Louis Kaplan e Johnny Kilbane.

10) Chris John

Poco amato dal grande pubblico per via del suo stile conservativo e poco spettacolare, l’indonesiano era dotato di tecnica di prim’ordine. La sua superba striscia di ben 18 difese titolate non basta a garantirgli un posto più prestigioso in graduatoria a causa della protezione di cui ha goduto negli anni del suo prime, quando chi lo gestiva lo ha tenuto al riparo dai grandi nomi della categoria. Controversa fu secondo molti la celebre vittoria su Juan Manuel Marquez; non secondo chi vi scrive, che l’ha sempre giudicata meritata.

9) Battling Battalino

La sua collocazione nella nostra top 10 è penalizzata dalle dinamiche poco chiare che ne hanno caratterizzato la carriera. In un’epoca in cui il mondo delle scommesse e quello della malavita stringevano i loro tentacoli sul pugilato d’élite, destano infatti sospetto le tante sconfitte che Battalino subiva tra una difesa titolata e l’altra salvo poi tornare la belva di sempre quando si trattava di difendere la cintura mondiale. Notevoli le sue vittorie sul grande Kid Chocolate e su un emergente Freddie Miller.

8) Ernesto Marcel

È un vero peccato che il percorso tra le 16 corde di questo autentico fuoriclasse del ring sia durato così poco, interrotto da un ritiro precoce a soli 26 anni nel momento del suo massimo splendore e dopo la magnifica vittoria sul leggendario Alexis Arguello. Il panamense, che in gioventù aveva messo in seria difficoltà persino Roberto Duran, aveva i mezzi tecnici e fisici per diventare uno dei più grandi di sempre, ma anche così merita un posto in top 10!

7) Eusebio Pedroza

La sua boxe potrà essere stata “sporca” e poco entusiasmante, il suo record potrà essere privo di nomi altisonanti, ma 19 difese mondiali, molte delle quali affrontate al di fuori del proprio Paese, rappresentano un ruolino di marcia impressionante. Fortissimo nel corpo a corpo ed estremamente concreto nel suo pugilato essenziale ma redditizio, il panamense maramaldeggiò sulla categoria dei piuma per più di sette anni garantendosi un posto negli annali.

6) Juan Manuel Marquez

L’immenso “Dinamita” nell’arco della sua lunga e strepitosa carriera non ha mai avuto paura di nessuno. Dai pesi piuma degli esordi fino ai welter degli ultimi anni ha sempre cercato grandi avversari per dar vita a grandi match, vincendo molto e perdendo poco ma regalando sempre grande spettacolo. Ciliegina sulla torta, il mostruoso KO inflitto al rivale di sempre Manny Pacquiao nel quarto e ultimo capitolo della loro saga indimenticabile.

5) Freddie Miller

Chi segue il pugilato con assiduità e ne ha studiato le origini sa bene che diventare campione del mondo e conservare a lungo l’ambito riconoscimento era di gran lunga più difficile quando il titolo era unico e non frazionato in quattro sigle di prestigio equivalente. Ecco perché la carriera di Freddie Miller, con le sue 12 difese mondiali e il suo fantasmagorico record di più di 200 vittorie lascia sbalorditi più di qualunque impresa possano compiere i pugili moderni.

4) Vicente Saldivar

Dotato di colpi secchi e violentissimi, il mancino di Città del Messico emerse sulla scena mondiale già da giovanissimo realizzando un piccolo capolavoro ancor prima di laurearsi campione del mondo con la sua vittoria sul talentuoso Ismael Laguna. Mai sconfitto nel corso del suo primo regno mondiale, destò ulteriore ammirazione per la capacità di riprendersi il trono dopo due anni di stop. Tra le sue vittorie più prestigiose spicca il ritiro imposto dopo dodici round al cubano Sugar Ramos.

3) Salvador Sanchez

Soltanto il tragico destino ha impedito al gioiello messicano di spingersi ancor più in alto tra i migliori pesi piuma di tutti i tempi. Stroncato a soli 23 anni da un incidente automobilistico, “Chava” aveva fatto in tempo a dar vita a un regno di nove difese mondiali e a mettere KO mostri sacri della storia del pugilato come Wilfredo Gomez e Azumah Nelson. Una sfida da urlo con il fortissimo Alexis Arguello sembrava ormai alle porte ma purtroppo non sapremo mai come sarebbe andata…

2) Sandy Saddler

Qualcuno, in virtù del bilancio favorevole con l’altro imperatore dei pesi piuma Willie Pep, concederebbe al terribile picchiatore statunitense persino il primo posto. Sempre in bilico sul confine sottile che divide il cosiddetto “mestiere” dalle scorrettezze sanzionabili a norma di regolamento, il pugile di Boston era dotato di una forza fisica spaventosa e di una potenza pietrificante, tanto da mettere insieme più di 100 KO da professionista. Semplicemente inarrestabile!

1) Willie Pep

Pur essendo uscito complessivamente sconfitto nella saga con l’eterno rivale Saddler con cui totalizzò una vittoria e tre insuccessi, Pep merita ugualmente a parere di chi vi scrive la vetta assoluta della graduatoria essendo giunto a quei famigerati incontri nella fase declinante di una carriera lunghissima e irripetibile. Dotato della difesa migliore della storia del pugilato, colui che all’anagrafe fu registrato come Guglielmo Papaleo fu talmente forte da riprendersi persino da un terrificante incidente aereo tornando a vincere e convincere.

Menzioni d’onore per: Sugar Ramos, Danny Lopez, Davey Moore, Jeff Fenech e Naseem Hamed.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X