fbpx

Match of the week: Vasyl Lomachenko vs Richard Commey

Continuano le grandi sfide tra i migliori pesi leggeri al mondo: questo sabato, presso il Madison Square Garden di New York, l’ucraino Vasyl “Hi-Tech” Lomachenko (15-2-0, 11 KO) affronterà il ghanese Richard “RC” Commey (30-3-0, 17 KO) in un match sulle dodici riprese valido come eliminatoria mondiale per la WBC. La riunione sarà trasmessa in diretta su Fite TV a partire dalle ore 3:00 al costo di 14,99 dollari.

Vasyl Lomachenko e la sua voglia di rivalsa

Vasyl Lomachenko

Non è andata giù a Loma l’inopinata sconfitta subita nell’ottobre del 2020 per mano di Teofimo Lopez. L’ucraino, che non ha mai riconosciuto la veridicità del verdetto dei giudici, dicendosi convinto di aver fatto abbastanza per meritare un pareggio e conservare le cinture, è rimasto ferito nell’orgoglio e ora vuol fare tutto ciò che è in suo potere per riscattarsi. La sua voglia di rivalsa è emersa in modo chiarissimo in occasione del rientro sul ring dopo l’operazione alla spalla e la successiva guarigione: opposto all’altissimo e solido giapponese Masayoshi Nakatani, che era arrivato a sentire l’ultima campana contro Lopez, Hi-Tech ha forzato la mano per fare meglio del suo acerrimo rivale e ci è riuscito imponendosi per KO tecnico al nono round. Lomachenko dunque è tornato a fare faville e non vuole lasciare nulla di intentato: l’eccessiva prudenza messa in campo contro Teofimo al punto da regalargli un enorme vantaggio prima di intraprendere l’insufficiente rimonta è soltanto un pallido ricordo e ha lasciato spazio a un atteggiamento aggressivo e spregiudicato. In questa veste il fuoriclasse ucraino, che nei pesi leggeri è palesemente sottodimensionato, corre senza dubbio rischi maggiori, ma nello stesso tempo può regalarci intensità, brividi e tante emozioni, per la gioia degli appassionati di tutto il mondo.

Richard Commey: fisico da campione, tattica da principiante

Richard Commey

Per quanto riguarda gli aspetti puramente fisici, Richard Commey è senz’ombra di dubbio un pugile da serie A: potenza devastante, fiato inesauribile, ottima mascella e straordinaria forza fisica lo rendono un’ira di Dio davvero difficile da arginare. Le sue capacità tecniche oltretutto sono molto sottovalutate: a differenza di altri picchiatore brutali, il ghanese è infatti in possesso di un gran bel jab sinistro che gli permette di esprimersi bene anche nella boxe dalla lunga distanza. L’enorme limite che ha però contraddistinto la sua carriera fino a questo momento è di natura tattica: non appena sente il suono della campana, “RC” si trasforma in una macchina da guerra che avanza sparando colpi all’impazzata, senza riflettere e senza attenersi a un piano tattico adatto alle circostanze. La sua terribile sconfitta contro Teofimo Lopez, che riuscì a metterlo fuori combattimento in sole due riprese, fu emblematica: Commey avrebbe dovuto limitare i danni nei primi round per poi venire fuori alla distanza e invece si gettò subito all’assalto venendo sorpreso da un magistrale colpo d’incontro. Il salto di qualità necessario per poter ambire ai vertici della categoria non può che passare quindi per una maturazione che gli dia gli strumenti utili ad imbastire e seguire senza sbavature una strategia intelligente e adeguata all’avversario di turno.

L’angolo del pronostico

Se c’è una dote in cui Lomachenko non è secondo a nessuno è la capacità di leggere la boxe di chi gli sta davanti e individuare le contromisure necessarie a disinnescarla. Per sua sfortuna Commey si presta piuttosto bene a essere decifrato: non essendo particolarmente veloce di braccia né vario nell’esecuzione dei colpi, il ghanese risulta infatti piuttosto prevedibile nelle sue folate offensive. Dopo alcuni minuti di studio dunque, Hi-Tech dovrebbe trovare la chiave giusta per annullare i pericoli portati dal rivale e potrà concentrarsi sulle proprie manovre d’attacco e iniziare a far danni. Se questo match si fosse tenuto due anni fa, con ogni probabilità chi vi scrive avrebbe pronosticato una larga vittoria ai punti in favore dell’ucraino. All’epoca infatti Loma in un certo senso “si accontentava” di dominare gli incontri, ma essendo consapevole del deficit di stazza fisica nei confronti degli altri pesi leggeri preferiva non eccedere nella foga, accelerando in maniera veemente soltanto quando sentiva di avere il match in pugno. La brutta battuta d’arresto subita lo scorso anno parrebbe tuttavia aver fatto scattare qualcosa nella testa del fuoriclasse ucraino, che oggi mette sul ring una cattiveria agonistica di gran lunga superiore a quella di cui disponeva in passato. Il fatto che Commey sia stato liquidato in soli due round da Teofimo Lopez costituisce poi un motivo in più per non limitarsi al compitino: il confronto a distanza tra Loma e il suo “nemico” gli impone infatti di superarne le gesta o quantomeno di eguagliarle. La mia sensazione dunque è che Lomachenko, dopo aver preso le misure al fighter ghanese e dopo averlo “ammorbidito” con le sue combinazioni al corpo e al volto, spingerà per trovare un KO a costo di subire qualche colpo di troppo. Prevedo una vittoria prima del limite di Vasyl Lomachenko nell’ultimo terzo del combattimento.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

  • Pier Paolo Gangemi

    Sono un fan di Lomachenko ma credo che sia un pugile ormai piuttosto logoro e lo ha dimostrato contro Lopez che, come abbiamo visto nella sua ultima sconfitta, ha solo potenza ma tecnicamente è abbastanza sprovveduto. Penso che faticherà contro Commey anche se alla fine riuscirà a portare a casa una vittoria ai punti con verdetto unanime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X