fbpx

Match of the week: Oleksandr Usyk vs Derek Chisora

Questo sabato, presso la Wembley Arena, una sfida per cuori forti infiammerà la notte londinese e terrà incollati allo schermo gli appassionati di tutto il mondo: il fuoriclasse ucraino Oleksandr Usyk (17-0-0, 13 KO) lancerà infatti l’assalto alla categoria dei pesi massimi affrontando l’esperto e coriaceo Derek “War” Chisora (32-9-0). Per Usyk si tratterà in verità del secondo match nella nuova categoria di peso, ma la sua facile vittoria contro Tim Witherspoon è stata considerata da molti poco più di un allenamento. La riunione verrà trasmessa in diretta da DAZN a partire dalle ore 20:10.

È il momento della verità: Usyk nella terra dei giganti

Oleksandr Usyk

Dopo un primo test poco probante, si avvicina il vero inizio di una nuova affascinante sfida per quello che fino a due anni fa era il re indiscusso della categoria dei cruiser. Ad attendere Usyk ci sarà un avversario che non rappresenta certamente l’elite della categoria, ma che staziona a livelli medio-alti da quasi dieci anni, ha affrontato un gran numero di pugili di spessore e ogni volta che sale sul ring, nonostante le sue lacune tecniche, mette in evidenza cuore, determinazione e coraggio. All’atleta ucraino non basterà vincere per far cambiare idea a quanti non lo considerano un candidato credibile per il raggiungimento della vetta dei pesi massimi: Usyk dovrà spazzar via Chisora come fece David Haye nel 2012 oppure umiliarlo fino allo sfinimento come fece Tyson Fury due anni più tardi. Dovesse far meno di questi illustri predecessori, verrebbe certamente messo in discussione dalla critica, tanto più che il suo rivale si sta avvicinando al 37esimo compleanno e non può disporre della stessa intensità dei suoi giorni migliori. Per dare continuità ai suoi sogni di gloria dunque, il favorito della vigilia dovrà dimostrarsi capace di dominare il match.

Ennesima chance per l’intramontabile Chisora

Derek Chisora

Occorre essere onesti: pur avendo fatto divertire il pubblico in innumerevoli occasioni, tanto da diventare un beniamino degli appassionati inglesi, Chisora ha fallito tutte le grandi opportunità che gli si sono presentate in carriera. Dalla duplice sconfitta con Fury, alla doppia debacle contro Whyte, al rovinoso KO subito da Haye, alle sconfitte dignitose ma limpide contro Klitschko e Pulev, il possente peso massimo nato in Zimbawe e trapiantato a Londra non è mai riuscito a dare una svolta alla sua carriera con un successo di prestigio. Il suo scalpo migliore resta ad oggi quello di Carlos Takam, messo KO grazie a un destro alla dinamite che rese insignificante il netto svantaggio accumulato sui cartellini. A negare a Chisora un maggior numero di soddisfazioni è stata una boxe troppo prevedibile e troppo basata sulla ricerca del colpo risolutore: caricando all’estremo i suoi fendenti l’atleta inglese è riuscito a scardinare le difese di molti pugili di fascia media, ma si è rivelato inefficace contro i migliori, capaci di leggerne le intenzioni con largo anticipo disinnescandone gli assalti sul nascere.

L’angolo del pronostico

Anche le pietre sanno che Chisora non potrà mai vincere un match di fioretto contro Usyk. In una sfida a basso ritmo il picchiatore londinese andrebbe regolarmente a farfalle venendo schernito dal primo all’ultimo istante del combattimento, motivo per cui è facile prevedere che cercherà a tutti i costi di trascinare il rivale nella bagarre. Sarà interessante dunque vedere quale approccio adotterà Usyk al cospetto di un pugile che nell’ultima uscita ha fatto registrare quasi 120 chili e che cercherà di piombargli addosso per togliergli spazio e tempo di ragionare. L’ucraino non dispone nel colpo singolo della stezza folgorante potenza di Haye, motivo per cui difficilmente riuscirà a chiudere i conti al primo vero scambio; il suo vantaggio in termini di velocità di gambe e di braccia tuttavia è talmente ampio da garantirgli facili vie d’uscita dal pressing del rivale. Se l’ex peso cruiser volesse fare un match da toccata e fuga sulla falsariga da quello fatto e vinto da Agit Kabayel contro Chisora nel 2017, avrebbe tutte le carte in regola per replicare il successo del pugile turco con margini anche più rassicuranti. La voglia di lanciare un chiaro sengale al mondo del pugilato prima di sfidare i detentori delle cinture tuttavia spingerà molto probabilmente Usyk a non accontentarsi affatto del minimo sindacale. Alle schivate il mancino di Kiev farà seguire i rientri, caricando i colpi in maniera chirurgica per assicurarsi una vittoria netta e dalla risonanza planetaria. L’età non più giovanissima, le tante battaglie già sostenute e l’incapacità di inquadrare un bersaglio in perenne e frenetico movimento potrebbero in ultimo portare Derek Chisora e il suo angolo alla resa; prevedo dunque una vittoria di Oleksandr Usyk per ritiro del suo avversario nell’ultimo terzo del match.

Condividi su:
  • 293
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X