fbpx

Match of the week: Mikey Garcia vs Robert Easter Jr

Sabato notte, presso lo Staples Center di Los Angeles, negli Stati Uniti, andrà in scena la riunificazione dei titoli WBC e IBF dei pesi leggeri tra i rispettivi detentori Mikey Garcia (38-0-0, 30 KO) e Robert Easter Jr (21-0-0, 14 KO).

L’analisi

Mikey Garcia

Mikey Garcia

Mikey Garcia è il classico pugile “conservativo”: un workrate generalmente basso, una gestione oculata delle energie e dei ritmi, una calma serafica mantenuta anche nelle fasi più delicate dei combattimenti lo caratterizzano fin dai primi match importanti disputati da professionista. Non a caso alcuni pugili di livello modesto come il collaudatore colombiano Walter Estrada sono riusciti in passato a strappargli dei round sui cartellini, senza che nessuno riuscisse mai a batterlo. L’apparente indolenza viene infatti prontamente accantonata nei momenti opportuni con improvvise accelerazioni, spesso letali per chi gli si trova di fronte, come testimoniato dall’elevato numero di KO all’attivo. L’esplosività dei colpi è difatti il suo marchio di fabbrica: particolarmente devastanti sono i montanti al corpo, autentiche staffilate che quando raggiungono il rivale di turno, per citare una battuta del film Rocky Balboa, vengono sentite anche dai suoi antenati.

Robert Easter Jr

Robert Easter Jr

Robert Easter Jr è un pugile altissimo per la categoria di peso in cui milita. Con i suoi 180 centimetri di statura e i suoi 193 centimetri di allungo, si è sempre trovato a sovrastare i propri antagonisti. Nonostante l’aspetto longilineo tuttavia il pugile statunitense possiede una forza fisica notevolissima che nelle fasi di clinch e di guerra dalla corta distanza ha messo spesso e volentieri in difficoltà chi gli si è trovato di fronte. Dotato di potenza buona ma non trascendentale, Easter ha manifestato in più di un’occasione un carattere fumantino, abbandonando condotte tattiche prudenti e a lui favorevoli per farsi trascinare nella bagarre da pugili più bassi di lui, senza alcuna reale necessità di farlo. Tale propensione al rischio lo ha portato a rischiare la sconfitta contro atleti che probabilmente avrebbe potuto superare con meno patemi come Richard Commey e Javier Fortuna, entrambi sconfitti di un’incollatura sui cartellini con verdetti non condivisi da tutti.

L’angolo del pronostico

Mikey Garcia appare decisamente il pugile più completo tra i due atleti che ammireremo sul ring. Abile tanto in fase di attacco quanto in arretramento potrà decifrare e disinnescare qualsiasi condotta proposta dal rivale. Il campione WBC è anche avvantaggiato in termini di esperienza avendo all’attivo quasi il doppio dei match del suo dirimpettaio ed essendo stato più volte protagonista di match di altissimo livello. Se Easter dovesse commettere il proprio consueto errore di accantonare il fioretto in favore della sciabola l’incontro potrebbe rivelarsi davvero breve vedendolo capitolare nel giro di poche riprese. Anche nel caso adotti una strategia guardinga come afferma di voler fare appare ugualmente improbabile che riesca a tenere a bada un fuoriclasse come Garcia che in caso di necessità, come evidenziato nella netta vittoria su Adrien Broner, è in grado di alzare i ritmi dando vita ad una pressione asfissiante. Prevedo un KO in favore di Mikey Garcia intorno alla metà del combattimento.

Condividi su:
  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X