fbpx

Match of the week: Khalid Yafai vs Roman Gonzalez

Dopo giorni e giorni trascorsi a discutere di pesi massimi, facciamo un tuffo nelle categorie più leggere per presentarvi l’affascinante sfida che questo sabato, presso The Ford Center at The Star di Frisco, vedrà di fronte il campione del mondo WBA dei pesi supermosca Khalid “Kal” Yafai (26-0-0, 15 KO) e il celebre nicaraguense Roman “Chocolatito” Gonzalez (48-2-0, 40 KO). Per l’atleta di Birmingham si tratterà della sesta difesa della cintura conquistata nel dicembre del 2016.

Kal Yafai e il suo sinistro da favola: basterà per la prova del nove?

Khalid Yafai

Ci sono pugili che utilizzano la mano “debole” unicamente per trovare la giusta distanza e per sporadici colpetti di alleggerimento. Ce ne sono altri che ne fanno la colonna portante del proprio pugilato. Yafai appartiene senza dubbio al secondo insieme: il suo jab, unito ai suoi ganci e ai suoi montanti sinistri, rappresenta infatti parte essenziale del suo repertorio offensivo. L’inglese si muove con grande maestria e rapidità sulle gambe, evidenziando un atletismo invidiabile e bombardando il rivale di turno con un fuoco di sbarramento di sinistri velenosi. Più sporadico e meno incisivo è invece il suo uso della mano forte: il destro viene impiegato dal campione con scarsa frequenza, principalmente sotto forma di gancio caricato e assai raramente per linee interne. Contro avversari statici e poco abili nell’accorciare la distanza la sua strategia è apparsa pienamente funzionale, ma è bastato un rivale più intraprendente e dinamico come il giovane messicano Israel Gonzalez per metterlo in imbarazzo. Nella circostanza lo aiutarono tre giudici piuttosto generosi, ma sarà sempre così?

Quanta benzina è rimasta nel grande Chocolatito?

Roman Gonzalez

Roman Gonzalez è stato per anni un’autentica istituzione per chiunque segua la boxe internazionale a 360 gradi senza snobbare le categorie inferiori. Il piccolo grande pugile nicaraguense si è fatto strada partendo dai pesi paglia a suon di KO e giungendo fino ai supermosca con trionfi mondiali in tutte e quattro le categorie. Il suo score è rimasto immacolato fino alla memorabile sfida sostenuta nel marzo del 2017 contro il terribile picchiatore thailandese Wisaksil Wangek, meglio conosciuto con l’appellativo di Sor Rungvisai. Il peso di quell’estenuante battaglia, conclusasi con un verdetto sfavorevole e assai controverso, parrebbe aver prodotto un autentico crollo psicofisico in Chocolatito, apparso dimesso e scoraggiato durante le conferenze stampa di presentazione della rivincita in cui subì poi un KO devastante. Oggi Gonzalez, dopo due anni di scarsa attività, sta cercando disperatamente di riconquistare ciò che gli venne tolto allora, ma quanto carburante sarà rimasto nel portentoso guerriero centroamericano? Basterà la voglia di riscatto a far riattivare le sue doti da fuoriclasse nonostante il logorio fisico dovuto alle tante guerre sostenute?

L’angolo del pronostico

Ciò che questo sabato vedremo sul ring sarà fortemente condizionato dallo stato di forma in cui lo sfidante riuscirà a presentarsi tra le sedici corde. Gonzalez non è affatto vecchio, avendo compiuto 32 anni l’estate scorsa, ma i quasi quindici anni di attività professionistica, il suo stile tambureggiante e la progressiva scalata delle categorie di peso che lo ha condotto a battersi contro rivali sempre più grossi e vigorosi potrebbero aver accelerato il declino di una stella di prima grandezza. Per sua fortuna tuttavia l’avversario che si troverà di fronte tra pochi giorni non il tipo di pugile abituato ad imporsi grazie alla forza fisica. Pur essendo dotato di muscolatura possente infatti, Yafai è essenzialmente un outfighter la cui potenza, benché rispettabile, non si avvicina a quella dei bombardieri più pericolosi della categoria. Lo sfidante potrà quindi cercare di tagliare il ring e chiudere gli spazi alla sua maniera senza eccessivo timore di essere incrociato e stordito, ma dovrà farlo con la dovuta reattività di gambe e con perfetti movimenti del tronco perché l’incessante mobilità del campione e i suoi sinistri veloci ed esplosivi renderebbero del tutto inefficace un approccio pigro. Quello che andrà in scena sarà dunque il più classico dei confronti stilistici: il picchiatore brevilineo Gonzalez impegnato a braccare il tecnico elusivo Yafai, che a sua volta sarà costretto a far sentire i propri colpi al rivale per tenerlo a bada. Nell’ipotesi che a Chocolatito siano rimaste le risorse per stupire ancora, pronostico una vittoria ai punti di Roman Gonzalez e il suo ritorno tra le schiere dei campioni.

Condividi su:
  • 37
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X