fbpx

DIRETTO AL PUNTO – Turchi incrocia i guantoni con l’ex campione Briedis

Fabio Turchi parte per Riga, dove farà da sparring partner a Briedis in vista dell’incontro del 15 Giugno con Głowacki. Si tratta dell’ennesimo riconoscimento per il lavoro del cruiser fiorentino.

A partire da domenica 26, il campione internazionale WBC si trasferisce in Lettonia per una settimana di intenso lavoro al fianco dell’ex WBC dei cruiser Mairis Briedis per aiutarlo nella preparazione della semifinale del prestigioso torneo WBSS e della nuova scalata mondiale.
L’annuncio arriva direttamente dalla pagina Facebook di Turchi, che dichiara: “Sono molto emozionato e gasato per quest’esperienza che andrò a fare. Sicuramente mi servirà per crescere mentalmente e arricchire il mio bagaglio tecnico“.

Per Stone Crusher e l’allenatore Lenny Bottai sarà senza dubbio una grande occasione per imparare da uno dei migliori pesi cruiser in circolazione, respirando l’aria di un training camp di primissimo livello.
Le sessioni con Briedis saranno un bel passo avanti rispetto agli sparring con Demchenko e Habachi. Il fatto che il poliziotto lettone abbia scelto proprio Turchi per imitare un southpaw come Głowacki riconosce le qualità del fiorentino, pugile in continua crescita e che può ancora sfoggiare un record immacolato (17-0, 13 ko).

Il campione fiorentino, che ha già assaggiato la boxe americana un anno e mezzo fa, aggiunge in rubrica un altro nome della boxe mondiale, dopo aver già stregato il suo co-promoter Eddie Hearn e l’ex campione dei massimi Evander Holyfield.
D’altronde, non bisogna dimenticare che Briedis inchinò il capo a Usyk solo ai cartellini, e per verdetto non unanime.

Nelle sfide contro Perez e lo stesso fenomeno ucraino, l’ex campione del mondo WBC ha avuto un caldissimo supporto dagli spalti della “sua” Arena Riga, con il pubblico lettone che ha sorpreso il mondo per la passione con cui supportava il proprio beniamino.
Chissà se Turchi troverà similitudini tra la sua Firenze e la capitale baltica: due città che seguono i loro idoli, (ri)scoprendo la nobile arte come spettacolo per cui vale la pena dedicare il proprio sabato sera.

 

Condividi su:
  • 95
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X