Featured Video Play Icon

Boxing 2018 – October Highlights

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  

06/10/2018

Alla Wintrust Arena di Chicago (Illinois) aveva luogo la prima riunione DAZN organizzata dalla Matchroom Boxing di Eddie Hearn, un progetto immenso che porterà alla realizzazione di 32 riunioni l’anno distribuite tra USA e Regno Unito.

Il peso massimo Jarrell Miller (22-0-1, 19 ko) come previsto si è sbarazzato facilmente del leggendario Tomasz Adamek (53-6, 31 ko) pugile ormai troppo anziano per poter competere ad alti livelli, con tutta probabilità ora “Big Baby” punterà ad un match contro Joshua, chissà forse proprio il 13 aprile del prossimo anno.

Nei supergallo Daniel Roman (26-2-1, 10 ko) fermava alla decima ripresa il britannico Gavin McDonnell (20-2-2, 5 ko) confermandosi campione WBA con tre difese all’attivo.

Artur Beterbiev (13-0, 13 ko) campione IBF dei medio massimi vinceva per KO al quarto round contro Callum Johnson (17-1, 12 ko), ma il campione russo per la prima volta nella sua carriera toccava il tappeto al secondo round a seguito di un gancio sinistro corto, prima difesa vittoriosa per il “lupo siberiano” a quasi un’anno di distanza dalla conquista del titolo, riuscirà Beterbiev a combattere più spesso?

Nei pesi welter Jessie Vargas (28-2-2, 10 ko) e Thomas Dulorme (24-3-1, 16 ko) davano vita ad un intensissimo match che però finiva in parità, Vargas aveva combattuto lo scorso aprile contro Adrien Broner e anche in quel caso il verdetto fù pari, cosa deve cambiare Vargas nella sua boxe per poter fare qualcosa in più ed evitare questi verdetti strettissimi?

07/10/2018

Iniziava la seconda stagione delle WBSS, alla Arena Yokomaha in Giappone cominciavano i primi quarti di finale, Kiryl Relikh (23-2, 19 ko) campione WBA dei superleggeri vinceva con un verdetto stretto ai punti contro l’ex campione IBF Eduard Troyanovsky (27-2, 24 ko), e nelle semifinali affronterà il vincitore tra Terry Flanagan e Regis Prograis.

Nei pesi gallo il “mostro” Naoya Inoue (17-0, 15 ko) campione WBA regolare, otteneva una impressionante vittoria per KO ai danni del dominicano Juan Carlos Payano (20-2, 9 ko), dopo appena un minuto dall’inizio della prima ripresa, il giapponese andava a segno con un uno-due al volto che mandava al tappeto lo sfidante e lo metteva fuori combattimento.

La potenza del mostro giapponese si sta dimostrando estremamente pericolosa anche nella categoria superiore, ci sono probabilità altissime che il torneo WBSS lo vincerà lui.

13/10/2018

In Russia a Ekaterinburg si continuava con i quarti di finale per le WBSS, il peso cruiser statunitense Andrew Tabiti (17-0, 13 ko) vinceva per decisione unanime contro il russo Ruslan Fayfer (23-1, 16 ko) dopo 12 noiose riprese, un pò meno noioso invece il match di Zolani Tete (28-3, 21 ko) campione WBO dei pesi gallo che si imponeva anch’egli per decisione unanime contro il bravo ma inesperto Mikhail Aloyan (4-1, 0 ko).

Tete affronterà il vincitore tra Ryan Burnett e Nonito Donaire, che si affronteranno sabato 3 novembre in Scozia.

Vince per KO invece Terence Crawford (34-0, 25 ko) campione WBO dei pesi welter alla sua prima difesa del titolo contro Jose Benavidez Jr (27-1, 18 ko).

Benavidez ha cercato di imporre il suo fisico statuario ma la velocità, la tecnica e la precisione di Crawford hanno neutralizzato ogni iniziativa dello sfidante, che a 30 secondi dalla fine dell’ultima ripresa incappava in un montante destro e finiva al tappeto sotto lo stupore di tutti, Benavidez perde per la prima volta da professionista mentre Crawford è già in cerca di nuovi avversari.

Bob Arum ha dichiarato di essere disponibile ad organizzare il tanto agognato match con Errol Spence Jr, sono solo chiacchiere o ci sono delle reali possibilità?

20/10/2018

Grande serata per la boxe mondiale, ricca di appuntamenti interessanti:

Al TD Garden di Boston (Massachussets) uno strepitoso Demetrius Andrade (26-0, 16 ko) si laureava campione mondiale WBO dei pesi medi battendo il namibiano Walter Kautondokwa (17-1, 16 ko).

Il pugile africano riceveva una autentica lezione di pugilato, finendo al tappeto quattro volte nel corso dei primi quattro round, continuamente sorpreso dai veloci e imprevedibili colpi d’incontro dello statunitense, ma che con enorme coraggio riusciva a terminare le 12 riprese perdendo per decisione unanime.

Nel sottoclou, il superpiuma di Philadelphia Tevin Farmer (27-4-1, 6 ko) vinceva per KO alla quinta ripresa contro James Tennyson (22-3, 18 ko) difendendo vittoriosamente per la prima volta la cintura IBF della categoria, prossimo appuntamento per Farmer il 15 dicembre a New York contro un’avversario da definire.

Riunione Top Rank a Las Vegas con protagonisti il prospect Michael Conlan (9-0), il campione NABF dei superleggeri Maxim Dadashev (12-0, 10 ko) e il campione WBA dei pesi medi Ryota Murata (14-2, 11 ko).

Per Conlan un match di rodaggio contro l’italiano Nicola Cipolletta (14-7-2, 4 ko) che con un atteggiamento passivo e improntato a sopravvivere più che a combattere, riusciva ad arrivare alla settima ripresa prima di essere fermato dall’arbitro.

Prova del nove invece per Maxim Dadashev, opposto al veterano Tony De Marco (33-7-1, 24 ko) match impegnativo in cui “Mad Max” ha dovuto stare concentrato e attento per l’intera durata del match, dove ovviamente non sono mancati i momenti di difficoltà, la vittoria per UD alla fine è stata comunque meritata.

Colpo di scena nel main event, dopo un match spettacolare ed intenso, l’americano Rob Brant (24-1, 16 ko) riusciva a strappare il titolo al campione Ryota Murata (14-2, 11 ko), match molto intenso dove ha prevalso la boxe continua dell’americano rispetto a quella più improntata alla potenza del giapponese.

Per concludere, alla CFE Arena di Orlando (Florida) proseguivano i quarti di finale per le WBSS, il cubano Yuniel Dorticos (23-1, 21 ko) surclassava ai punti il polacco Mateusz Masternak (41-5, 28 ko) e si prenota un posto alle semifinali dove ad attenderlo ci sarà lo statunitense Andrew Tabiti, nei pesi gallo Manny Rodriguez (19-0, 12 ko) campione mondiale IBF batteva ai punti un ostico Jason Moloney (17-1, 14 ko) e passa anche lui allo step successivo del torneo, dove affronterà Naoya Inoue.

27/10/2018

Lakefrona Arena, New Orleans, casa del campione interim WBC dei superleggeri Regis Prograis (23-0, 19 ko).

Due quarti di finali per la categoria dei superleggeri, Ivan Baranchyk (19-0, 12 ko) fermava alla settima ripresa lo svedese Anthony Yigit (21-1-1, 7 ko) dopo un match fondamentalmente “ignorante” dove si è vista poca tecnica ma molto cuore e ardore pugilistico.

Match più tattico quello dell’idolo di casa Regis Prograis (23-0, 19 ko) opposto a Terry Flanagan (33-2, 13 ko) ex campione mondiale WBO dei pesi leggeri, poco convinto Flanagan al contrario di Prograis che era molto sciolto e in controllo fin dalle prime riprese, match tutto sommato non intensissimo con un unico momento terribile per Flanagan quando, all’ottavo round, veniva atterrato dopo un sinistro d’incontro ben piazzato.

Prograis vince per decisione unanime e passa alle semifinali dove affronterà Kiryl Relikh, il campione WBA.

Al Madison Square Garden Theater, Daniel Jacobs (35-2, 29 ko) e Sergiy Derevyanchenko (12-1, 10 ko) si contendevano il vacante titolo IBF dei pesi medi, ne usciva vincitore Jacobs per SD dopo un match duro ed entusiasmante.

Con Canelo Alvarez, Demetrius Andrade e Danny Jacobs campioni di sigla, tutti sotto contratto con DAZN, sarà molto probabile che nel giro di poco tempo potremmo avere un unico campione del mondo di tutte e quattro le sigle.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X