fbpx

Zab Judah sta bene: ha lasciato l’ospedale

Finalmente arrivano buone dall’Ostate University Hospital di Siracuse di New York, dove da sabato notte era ricoverato l’ex campione mondiale dei superleggeri e dei welter, Zab Judah (44-10, 30KO). Judah, classe 1977, è stato infatti rilasciato dall’ospedale che inizialmente aveva vagliato l’ipotesi di trattenerlo fino a martedì per ulteriori accertamenti, ma il campione ha risposto positivamente ai trattamenti in modo del tutto precoce, convincendo così i medici a lasciarlo libero di tornare a casa.

Star Boxing è lieta di annunciare che oggi il sei volte campione del mondo Zab “Super” Judah è stato rilasciato dall’ospedale dopo essere stato ricoverato al termine del combattimento di venerdì. La prognosi è buona, anche se avrà bisogno di riposo“, ha reso noto la Star Boxing con una nota stampa.

La sera del 7 giugno, al Turning Stone Resord & Casino di Verona, New York, Judah è salito sul ring per affrontare Cletus Seldin (24-1, 20KO), pugile di nove anni più giovane, per il vacante titolo “NABA” della divisione dei superleggeri. Seldin ha avuto la meglio ottenendo una vittoria per tko all’undicesima ripresa. In questo modo, Seldin ha inflitto al mancino nativo di Brooklyn la sua decima sconfitta in carriera (la quarta prima del limite).

Quella di venerdì è stata una vittoria netta: Cletus Seldin ha dominato ogni ripresa imponendo il suo ritmo aggressivo. Judah è stato scosso violentemente nel corso della decima ripresa, prima che l’arbitro interrompesse, operando una scelta decisamente saggia, la fine delle ostilità nella ripresa successiva nonostante le proteste di Super, che intendeva proseguire l’incontro. Col senno di poi, crediamo si possa dire che l’arbitro abbia salvato la vita a Judah.

Anche dopo l’incontro Judah sembrava stare bene: aveva postato delle foto con Seldin nella hall dell’hotel prima di unirsi (con un discreto ritardo) alla sua famiglia che lo attendeva per la cena. Fu allora che cominciò a sentirsi male. A Judah è stata diagnosticata un’emorragia al cervello che fortunatamente è stata prontamente curata. Questa sconfitta sancisce chiaramente la fine della rispettabilissima carriera di Judah, un pugile dotato di grande classe, che ciononostante ha visto frenare la sua carriera per limiti caratteriali.

 

 

 

Condividi su:
  • 90
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X