fbpx

Dopo i rifiuti di Ortiz e Parker, Yoka accetta la sfida di Hrgović!

Il colosso croato Filip Hrgović, autentico spauracchio della categoria dei massimi, potrebbe finalmente aver trovato un avversario disposto ad affrontarlo nell’eliminatoria finale targata IBF. Il pugile di Zagabria è da molti mesi alla ricerca di un rivale che gli consenta di ottenere, in caso di vittoria, il ruolo di sfidante ufficiale al titolo mondiale che attualmente risiede nelle mani di Oleksandr Usyk. Dopo che il cubano Luis Ortiz e il neozelandese Joseph Parker avevano rispedito al mittente l’invito dell’IBF a sedersi al tavolo delle trattative, è arrivato invece l’assenso del francese Tony Yoka, medaglia d’oro alle Olimpiadi di Rio 2016 e imbattuto da professionista.

Filip Hrgović ha disputato finora 14 incontri a torso nudo vincendoli tutti e chiudendone ben 12 prima della campana finale. “El Animal” è caratterizzato da una mole notevolissima essendo alto ben 198 centimetri e aggirandosi attorno ai 112 chili di peso. La sua potenza brutale, sfruttata soprattutto mediante il diretto destro, gli ha permesso di farsi largo nei ranking ma allo stesso tempo gli ha anche reso sempre più difficile la ricerca di avversari di prestigio pronti a incrociare i guantoni con lui. Lo scorso anno era stato l’americano Michael Hunter a tirarsi indietro, giudicando insufficiente la borsa che gli era stata proposta per l’eliminatoria con il croato. Stessa motivazione addotta pochi giorni fa da Joseph Parker, convinto di non aver nulla da guadagnare nel combattere con un pugile pericoloso ma mediaticamente debole come Hrgović. Poco prima era stato invece Ortiz a chiamarsi fuori, adducendo però come motivo del gran rifiuto un presunto infortunio.

Yoka ha un record professionistico simile a quello dell’atleta balcanico avendo superato agevolmente 11 avversari e avendone fermati 9 prima del limite. Il francese ha anche un curriculum dilettantistico migliore essendo stato campione mondiale e campione olimpico in canotta. Un aspetto interessante da tenere in considerazione è che per arrivare in fondo ai due tornei, Yoka ha dovuto eliminare tra gli altri proprio Hrgović, sconfitto ai quarti di finale dei mondiali di Doha nel 2015 e poi nuovamente superato alle Olimpiadi di Rio del 2016, stavolta in semifinale. È dunque possibile che il francese abbia accettato di prendere in considerazione questo match nella convinzione di poter ripetere da professionista ciò che gli è riuscito brillantemente da dilettante.

La notizia della risposta positiva di Yoka è stata confermata da Nisse Sauerland, co-promoter di Hrgović che ha dichiarato sui social:

“Tony Yoka ha formalmente accettato stanotte la sfida di affrontare Filip Hrgović in un’eliminatoria finale per il titolo mondiale dei pesi massimi dell’IBF. ‘El Animal’ ha trovato un partner per il ballo”.

Ora la federazione ordinerà lo svolgimento del match e partire da quel momento i team dei due atleti avranno quindici giorni di tempo per trovare un accordo. Qualora non dovessero riuscirci, si procederà con l’asta.

Higgins: “Un rematch tra Joseph Parker ed Andy Ruiz sarebbe fantastico!”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X