fbpx

Yarde si vendica di Arthur mettendolo KO alla quarta ripresa

A distanza di un anno Anthony Yarde si vendica della sconfitta subita nel suo primo incontro col connazionale Lyndon Arthur che questa volta non riesce a superare la quarta ripresa, cedendo per KO dopo una combinazione perfetta del rivale. Con questa vittoria Yarde riconquista il titolo intercontinentale WBO e il titolo del Commonwealth dei pesi mediomassimi che aveva già detenuto dal 2017 al 2019 permettendogli di guadagnarsi la sua prima chance titolata poi fallita contro Sergey Kovalev.

Nella prima sfida Yarde si era adeguato ai ritmi bassissimi imposti dal suo avversario arrivando a sentire il verdetto dei giudici nella convinzione di essersi assicurato la vittoria. La lettura dei cartellini però era stata per lui una doccia fredda poiché i punteggi ufficiali lo hanno visto perdente per Split Decision. Questa volta il picchiatore inglese ha affrontato quindi l’incontro in maniera completamente diversa.

Sin dalla prima ripresa Yarde imprime al match un ritmo decisamente asfissiante, accorcia la distanza e colpisce molto duramente, prima con i ganci e poi con i montanti, un rivale visibilmente a disagio nel cercare di arginarne l’incedere.

Nel secondo round Arthur prova a rispondere con l’uso frequente del jab sinistro, legando ogni volta che il suo avversario ottiene la corta distanza. Questo limita le capacità offensive di Yarde, che cerca in maniera spasmodica lo scontro ravvicinato per liberare il suo gancio destro molto caricato.

Nella terza frazione Arthur non riesce a gestire la situazione come in quella precedente e subisce diversi colpi precisi e potenti. Un gancio violento di Yarde apre il quarto round: il colpo scuote visibilmente il rivale che fatica a reagire e inizia a subire una serie prolungata di fendenti l’ultimo dei quali, un gancio destro terribile, lo spedisce in ginocchio. Arthur non è in grado di rialzarsi prima che l’arbitro termini il suo conteggio e l’incontro termina quindi per KO.

Anthony Yarde è riuscito dunque a vendicare la sua precedente sconfitta davanti al pubblico della Copper Box Arena e ora proverà a far ripartire la sua carriera. Il percorso del pugile inglese sembrava essersi arenato dopo essere stato messo KO da Kovalev nel 2019 ma potrebbe trovare nuova linfa dopo questo successo prima del limite ottenuto mostrando sul quadrato uno stile molto più aggressivo del solito. Adesso Yarde punterà verosimilmente a una nuova chance mondiale, magari proprio per il titolo WBO che gli è sfuggito al primo tentativo. La cintura in questione al momento nelle mani di Joe Smith Jr che la difenderà il 15 gennaio contro Callum Johnson.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X