fbpx

Wilder: “Mi viene voglia di dire a Ortiz e a tutti: state attenti a quel primo round!”

La rivincita contro il “King Kong” cubano si avvicina e Deontany Wilder conta di fare meglio della prima volta.

Nel match di marzo 2018, Luis Ortiz ha messo in seria difficoltà il campione WBC imbattuto dei pesi massimi, che pur uscendone vincitore prima del limite, ha visto sollevare da parte del pubblico grossi dubbi nei suoi confronti e della sua performance. “The Bronze Bomber” tuttavia attribuisce quella defiance al suo stato di salute. Difatti ha dichiarato che è arrivato a quella sfida molto influenzato.

Ragion per cui il prossimo 23 novembre sul ring della MGM Grand di Las Vegas, prevede tutta un’altra storia e una vittoria decisamente più impressionante:

“Sto cercando di andare a battere Ortiz in modo ancora più terribile questa volta. Quando abbiamo combattuto la prima volta, avevo avuto una brutta influenza e avrei potuto anche annullare la sfida, ma l’ho fatta lo stesso perchè voglio essere uno in grado di fare cose che gli altri combattenti non farebbe invece”, le sue parole.

Ovviamente Wilder sa benissimo che tipo di combattente ha di fronte e che Ortiz arrivarà a sua volta ancora meglio della prima, ma asserisce che ha lavorato anche in previsione di questo e che si è preparato alla grande:

“Sappiamo che Ortiz è un pugile molto intelligente e un grande counter puncher, è davvero bravo in quello che fa. Per questo sono l’unica persona tra i primi cinque della topten a dargli l’opportunità.

Non credo di aver portato abbastanza jab nel primo combattimento. La posizione dei miei piedi non è stata buona quanto potrebbe esserlo. Anche il movimento, tende a diventare molto strano quando un combattente dalla guardia ortodossa va contro uno mancino. Ma non vedo l’ora che arrivi, per farne di questo match un’altra grandiosa battaglia.

Ho intenzione di mettere sotto pressione Ortiz. Non sono mai stato bravo con le previsioni. Ma l’energia che ho dentro di me per questa nuova sfida mi fa venir voglia di dire a tutti: ‘state attenti a quel primo round!’. Sono il tipo di combattente con cui non puoi distrarti neanche un attimo, con cui devi mantenere sempre il fiato sospeso e non sai mai cosa potrà accadere”.

Condividi su:
  • 209
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X