fbpx

Wilder vs Breazeale: il fulmine contro la montagna

Condividi su:
  • 51
  •  
  •  

Gli appassionati della categoria dei pesi massimi fremono nell’attesa che i migliori elementi in circolazione si scontrino finalmente tra di loro, ma le trattative tra i “giganti” del pugilato sembrano tremendamente difficili, motivo per cui per il momento ciascuno prosegue per la sua strada. Questo sabato notte toccherà a Deontay “The Bronze Bomber” Wilder (40-0-1, 39 KO) tornare a proporsi come ipotetico uomo da battere affrontando uno sfidante certamente sfavorito ma estremamente convinto dei propri mezzi: il possente americano Dominic “Trouble” Breazeale (20-1-0, 18 KO). In palio ci sarà il Titolo Mondiale WBC detenuto da Wilder ed il match sarà trasmesso in diretta su DAZN con collegamento a partire dalle ore 3:00.

Lento ma granitico: il gigante Breazeale

Dominic Breazeale

Dominic Breazeale

Ci sono pugili il cui rendimento supera le aspettative derivanti da una mera analisi visiva delle loro qualità. Dominic Breazeale è senz’altro uno di questi: l’americano non desta grande impressione al primo impatto, essendo notevolmente lento, poco coordinato e vulnerabile difensivamente. Complice la sua stazza monumentale tuttavia, Trouble si è rivelato col tempo un incassatore notevolissimo, oltre che un picchiatore dalle mani pesanti, come evidenziato dalla portentosa percentuale di KO dell’86%. I due ingredienti citati lo rendono un cliente potenzialmente scomodo: chi vorrebbe trovarsi di fronte una montagna di 115 chili per due metri di altezza in perenne forcing offensivo ed incurante dei colpi subiti? Ad oggi la sua unica sconfitta è maturata per mano di Anthony Joshua, troppo superiore sul piano tecnico per farsi impensierire, ma comunque costretto a picchiare senza sosta per sette riprese prima di ottenere il trionfo.

Senza mezze misure: l’estremista Wilder

Deontay Wilder

Deontay Wilder

A scuola c’è chi ottiene risultati simili in tutte le materie e chi invece alterna voti eccezionali in alcune discipline e scadenti in altre. Wilder è lo studente “selettivo” della boxe: irreprensibile in determinati aspetti del gioco, risulta clamorosamente carente in altri, tanto da dividere in maniera netta anche gli appassionati, alcuni dei quali lo ritengono un fuoriclasse, alcuni altri un insulto al pugilato. La verità sta probabilmente nel mezzo. Il destro fulmineo e tremendamente esplosivo dell’americano, la sua irreprensibile tenuta atletica e il cuore del guerriero capace di oltrepassare le difficoltà hanno prodotto fino ad oggi un record da imbattuto nonostante i confronti con pugili di alto spessore come Luis Ortiz e Tyson Fury. D’altro canto la scadente coordinazione, la tecnica primordiale, gli impressionanti varchi lasciati in fase difensiva, rendono Wilder un atleta vulnerabile e forse anche per questo ancora più appassionante da seguire.

Riuscirà il fulmine a sgretolare la montagna?

Inutile girarci intorno: il destro di Wilder andrà a segno a ripetizione. Il campione è troppo più veloce ed esplosivo dello sfidante per non trovare bersaglio con una certa regolarità. Il vero interrogativo riguarda dunque quanti fendenti il tenace Breazeale sarà in grado di reggere prima di capitolare. Trouble ha dato prova di resistenza spaventosa più volte, rialzandosi dopo aver subito autentiche cannonate contro brutali picchiatori come Amir Mansour, all’epoca ancora assai pericoloso, e Izuagbe Ugonoh. Le flebili speranze di successo dello sfidante sono dunque riposte nell’eventualità che egli riesca laddove nessuno è riuscito prima: assorbire i migliori colpi del Bronze Bomber puntando sulla sola mascella per togliergli sicurezze e indurlo all’errore fatale. Più che una concreta eventualità quella descritta assomiglia alla trama di un film, neppure particolarmente realistico, motivo per cui chi vi scrive si aspetta un trionfo in grande stile da parte di Deontay Wilder, con un terrificante KO entro la sesta ripresa.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X