fbpx

Wilder: “La sfida con Joshua non è morta! Può ancora tornare e fare cose incredibili”

Condividi su:
  • 63
  •  
  •  

Deontay Wilder in una delle ultime interviste rilasciate a World Boxing News, ha discusso di un possibile incontro con Anthony Joshua. Il 33enne campione americano, come la maggior parte dei fan, è rimasto stupito dalla sorprendente vittoria di Andy Ruiz Jr ma da a Joshua ancora il beneficio del dubbio e dunque si dice ancora ancora pronto a lanciarsi in una sfida insieme.

Wilder aveva cercato di trovare un accordo con Joshua per la loro riunificazione, ancora prima della sfida con Ruiz. Una trattativa e un accordo iniziato già dall’estate del 2018. Che sembrava potersi concretizzare il 13 aprile di quest’anno con un match all’arena di Wembley. Tuttavia Eddie Hearn, visto che non trovò l’accordo finanziario con Wilder che voleva una quota significativa dei guadagni, ha puntato al debutto negli USA.

“Penso che potrei ancora combattere contro Anthony Joshua. Quella sfida non è morta. Joshua può tornare grande e fare un sacco di cose incredibili. Alcuni dei pugili che sono ritornati dopo una sconfitta del genere hanno avuto diverse opportunità per il titolo.

Basta pensare a Derek Chisora, quante volte ha combattuto per un titolo mondiale o contro un top fighter? Posso nominare tantissimi altri pugili che hanno fatto lo stesso percorso. Come conosco alcuni ragazzi che non hanno mai avuto la fortuna di avere un’opportunità come mio fratello Malik Scott.

Hanno tenuto Joshua lontano da me per tenerlo imbattuto. Sapevano quale sarebbe stato il risultato. AJ ha subito molta pressione visto che era in America per la prima volta. Poi si è preoccupato dopo aver visto la mia prestazione contro Dominic Breazeale, un KO alla prima ripresa. Tutto questo ha pesato su di lui. Era in preda al panico nello spogliatoio e li ho capito che avrebbe perso. 

Certe volte vuoi fare grandi cose, a volte più grandi di te. Nessuno vuole perdere. Ma quando si subisce cosi tanta pressione, addirittura si parla di sparring partner che lo hanno mandato al tappeto, è troppo per chiunque. Ma vedremo se può riscattarsi nel secondo combattimento”, le parole del Bronze Bomber per WBN.

Intanto il campione WBC dovrà affrontare due match prima di poter rivolgere il pensiero a Joshua: la rivincita con Luis Ortiz il prossimo 28 settembre e quella con Tyson Fury il 22 febbraio 2020. Se Wilder dovesse vincere entrambi gli incontri allora uno scontro con Ruiz Jr. o Joshua potrebbe certamente concretizzarsi, almeno stando alle sue parole.

 

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X