fbpx

La WBC spoglia Whyte: sospeso il titolo ad interim e lo satus di sfidante ufficiale

Il campione “A” di urina raccolto dalla UKAD nel pre-match da Dillian Whyte, in relazione al suo incontro con Oscar Rivas, ha dato esito positivo a delle sostanze dopanti. Alla luce di tale scoperta, in attesa dell’esito delle indagini e del processo giudiziario della WBC, l’ente ha comunicato che di aver sospeso  temporaneamente la posizione del britannico, rimuovendolo quindi sia dal ruolo di sfidante ufficiale al titolo mondiale, sia da campione WBC ad interim.

Il WBC ha notificato a Whyte e al suo team la propria decisione e ha fatto sapere che offrirà comunque al pugile inglese l’opportunità di difendersi durante un’udienza investigativa. L’ente ha comunicato che la sospensione potrebbe essere revocata in base all’esito positivo o negativo del campione B prelevato durante il post match.

Whyte ha vinto l’incontro con Oscar Rivas per decisione unanime (116-111, 115-112 e 115-112) il 20luglio, vittoria che gli è valsa il titolo WBC ad interim. È stata una sfida molto competitiva, con Whyte che è finito al tappeto al nono round, colpito da un colpo devastante di Rivas.  Tuttavia il pugile inglese stoicamente si è rialzato e ha finito il combattimento, dominando il suo avversario in maniera netta.

Se il campione B dovesse confermare il primo risultato la carriera di Whyte subirebbe una drastica battuta d’arresto. Dopo aver più volte provocato e sfidato il campione WBC dei pesi massimi Deontay Wilder per avere la sua occasione, il pugile inglese adesso perde dalle mani tutto quello per cui aveva lavorato.

Condividi su:
  • 41
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X