fbpx

Warren: “AJ lascia le cinture e affronta subito il vincitore tra Wilder e Fury”

Dopo aver riconquistato i suoi titoli dei pesi massimi WBA, WBO, IBO e IBF battendo Andy Ruiz Jr in Arabia Saudita l’8 dicembre, a Anthony Joshua è stato ordinato sia dalla WBO, sia dalla IBF di dover necessariamente assolvere la propria difesa obbligatoria della cintura, affrontando gli sfidanti ufficiali di sigla, rispettivamente Oleksandr Usyk e Kubrat Pulev.

Due difese, che come abbiamo più volte ribadito, collidono tra di loro per via dei limiti di tempo imposti dai due enti e che, se i due organi di governo non troveranno un accordo e uno dei due (WBO ndr) non offrirà una deroga, AJ sarà costretto a rinunciare a una cintura. Al momento sembra più probabile che il suo prossimo incontro sarà contro il contendente bulgaro a Londra tra aprile e maggio.

Tuttavia Frank Warren, promoter di Tyson Fury, è dell’opinione che Joshua dovrebbe ignorare i suoi obblighi e attendere piuttosto il risultato di Wilder-Fury 2 del 22  febbraio e affrontare direttamente il vincitore in quello che sarebbe uno degli incontri più ricchi della storia:

“Se fossi Anthony Joshua, non combatterei di nuovo fino a quando non avrei conosciuto il vincitore di questo combattimento, e poi lo affronterei. Avrei lasciato che mi spogliassero dei miei titoli e non combatterei contro nessuno fino alla sfida più grande.

Quindi direi, voglio combattere contro il vincitore di quel’incontro [Wilder-Fury 2]. Metti insieme tutte le parti, risolvi qualcosa, magari metti anche un po’ di soldi da parte. Questo è quello che vorrei accadesse. Perché questo è ciò che il pubblico vuole, vogliono sapere chi è il numero 1. Il numero 3 e il numero 4 hanno combattuto in Arabia Saudita. Il numero 1 e il numero 2 stanno combattendo il 22 febbraio!.

Le sue tattiche erano esatte per il suo ultimo combattimento, al 100%, ma ha affrontato un ragazzo che è arrivato con 15 o 16 libbre in più rispetto a quando ha vinto il titolo e che ha ammesso che non si è allenato come si deve”.

Condividi su:
  • 181
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X