fbpx

Warren: “AJ non batterà mai Usyk”. Joshua: “Con o senza le cinture, affronterò chiunque!”

La grandiosa vittoria dello scorso sabato del fuoriclasse ucraino Oleksandr Usyk su Anthony Joshua ha rimescolato tutte le carte nella classe regina dei pesi massimi; tuttavia, nonostante abbia perso i suoi titoli IBO, IBF, WBA e WBO di categoria, il pugile britannico sembra non aver cambiato i piani sul proprio futuro e afferma di averli, cinture o no, solo rimandati.

“La strada verso il campionato indiscusso è il marketing. Essermi fermato oggi, mi fa rendere conto che è solo un grande circo. Questo è il più grande spettacolo sulla Terra, ma combatterò contro Tyson Fury e Wilder [anche] senza le cinture. Avere le cinture è divertente, è fantastico, è una legacy – ma con o senza le cinture, affronterò chiunque. Quello di campione indiscusso è un bel titolo da avere e inseguire, ma [il match con Fury] lo guardereste ancora senza le cinture? La cosa principale è avere due pugili competitivi sul ring, entrambi provenienti dal suolo britannico, che vogliono solo andare faccia a faccia”, ha dichiarato.

Il Gipsy King di Manchester e AJ la scorsa primavera erano ormai vicini a chiudere l’accordo che gli avrebbe permesso di concretizzare la storica riunificazione totale delle cinture dei massimi ad agosto, ma invece la vittoria legale di Deontay Wilder sul campione WBC arrivata come “un fulmine a ciel sereno” ha costretto i due a virare verso altri incontri: uno appunto verso la trilogia col Bronze Bomber, l’altro verso la difesa obbligatoria a lungo rimandata contro lo sfidante ufficiale IBF, Usyk.

Entrambi i campioni speravano poi di realizzare quello che si erano prefissati subito dopo, possibilmente nel primo quadrimestre del 2022. Quello accaduto però sul ring del Tottenham Hotspur Stadium pochi giorni fa ha portato la prima grande sorpresa e proclamato un nuovo campione: l’ex re dei cruiser che ha condotto un incontro impeccabile. Adesso si attende l’esito dell’altra sfida, quella che vedrà il 9 ottobre Fury e Wilder contendersi ancora una volta la cintura WBC. Altresì bisognerà poi attendere il rematch tra Usyk e Joshua che quest’ultimo ha chiesto fin da subito e che probabilmente si concretizzerà agli inizi del prossimo anno.

Non tutti però sono d’accordo sulla scelta dell’inglese. Secondo Frank Warren che co-promuove Fury insieme alla Top Rank di Bob Arum, la scelta di AJ di chiedere una rivincita immediata non è una buona idea. “Non dovrebbe nemmeno avvicinarsi a Usyk, non lo batterà mai. Per quanto riguarda l’incontro con Tyson Fury, può accadere ancora. La sconfitta di Joshua ha portato via le cinture e questo lo ha danneggiato ora. Ma la gente comprerebbe comunque quella sfida. Può realizzarsi nel Regno Unito”, sono state le sue parole al Daily Mail.

“Sono un tipo di persona diversa”, ha affermato invece Joshua. “Questa è un’opportunità benedetta per me, per poter combattere per il titolo mondiale dei pesi massimi, affrontare buoni combattenti più e più volte, e per la gente che può venire ad assistere. Quando stavo tornando attraverso il tunnel dopo il match, mi sono detto: ‘Sono pronto a tornare in palestra, sono pronto a mettermi al lavoro”. So che possiamo vederla da un punto di vista negativo ma, per me, devo prenderla come una grande lezione e costruire su ciò che accaduto”.

Match capolavoro di Usyk: batte Joshua e si laurea nuovo campione dei massimi!

 

 

 

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X