fbpx

Vitali Klitschko positivo al COVID-19: “Non ignorate le regole e la minaccia, proteggetevi!”

Il virus non scansa nessuno, nemmeno un temibile ex campione del mondo dei pesi massimi come Vitali Klitschko. L’ex Dr. Ironfist del ring, ha deposto i suoi guantoni ormai da otto anni, ma da sei a questa parte affronta altri tipi di battaglie, quelle a favore della sua città. Dal 2014 infatti l’ex pugile iridato è a capo della sua Kiev: ne veste panni di primo cittadino e proprio questa domenica, 25 ottobre, il popolo ucraino è chiamato alle urne per rinnovare le cariche amministrative per le quali Klitschko si è nuovamente candidato.

Il sindaco uscente sembrerebbe avere il favore dei pronostici e un’altissima probabilità di riconfermarsi (anche se bisognerà aspettare i risultati delle urne di questa notte). Tuttavia Klitschko non è riuscito invece ad avere la meglio contro il coronavirus. Ad un giorno dalle elezioni ieri ha comunicato la notizia della sua positività: “Amici, il coronavirus è arrivato nel momento meno opportuno. Oggi purtroppo ho ricevuto un risultato positivo del mio test. Il lavoro di un sindaco durante una pandemia, naturalmente, comporta un rischio costante… comunicare con la gente, controllare gli ospedali.

In particolare, ho dovuto visitare costantemente i reparti riservati alle malattie infettive nei quali vengono trattati i pazienti affetti da COVID-19. Ho cercato di stare attento. Tenendo conto della particolarità del mio lavoro, ho fatto regolarmente dei test. Oggi purtroppo il risultato è stato deludente. Mi sento bene, ma devo andare in auto-isolamento. Lavorerò da casa. Per favore non ignorate le regole e non ignorate la minaccia, proteggetevi!”, sono state le sue parole di denuncia e di esortazione.

Il caso Klitschko si aggiunge ai tanti altri riscontrati nel corso di questi mesi: dall’ex campione panamense “Manos De Piedra” Roberto Duran, al giovane promoter  britannico in auge, Eddie Hearn, ai pugili in attività come “El niño de oro” Jorge Linares, Otto Wallin, Kingsley Ibeh, solo per citarne alcuni. É bastata a loro un po’ di pazienza oltre che di attenzione in più, quella che forse servirebbe che applicassimo di più tutti.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X