fbpx

Usyk dopo la vittoria su Chisora: “Anthony come stai? Sto venendo a prenderti!”

La battaglia consumata lo scorso sabato sul ring della Wembley Arena di Londra tra Oleksandr Usyk e Dereck Chisora è stata certamente un buon banco di prova per il pugile ucraino affinchè prendesse dimestichezza con la sua nuova categoria di peso. Una sfida da brividi che ha visto l’ex re incontrastato dei pesi cruiser subire nella prima parte del match la fisicità del peso massimo britannico e i suoi colpi per poi predere le rendini nella seconda parte, fino a trovare la vittoria finale per decisione unanime.

Chisora è un ragazzo grande, un tipo tosto. Mi aspettavo un match del genere, mi aspettavo una sfida più dura. Derek ha una grande potenza, ha dei pugni molto duri, ma io ero preparato a questo. Non pensavo al suo QI da pugile. Tutto quello a cui stavo pensando era la boxe e a quello che volevo fare. Ero molto felice di essere tornato sul ring, non ho combattuto per più di un anno. È stato un immenso piacere per me. Avete visto il mio sorriso quando sono salito sul ring, no? Voglio davvero ringraziare Dio per questa vittoria”, ha dichiarato Usyk a fine incontro.

Una vittoria che ha permesso a Oleksandr di guadagnare la cintura Intercontinentale dei pesi massimi messa in palio dalla WBO, ma soprattuto di mantenere il suo status di sfidante ufficiale del campione WBO, WBA, IBO ed IBF in carica, Anthony Joshua, spettatore in primissima fila lo scorso sabato a Wembley. Dunque il prossimo step per il 33enne di Kiev pare essere proprio questo.

“Sono molto riconoscente, ringrazio Derek per avermi dato questa opportunità. Sono molto grato a questa famiglia e alla sua squadra. Sono felice. Lui è un brav’uomo. Il mio piano ora è quello di tornare a casa e passare più tempo possibile con la mia famiglia. Allenarmi e migliorarmi. Anthony [Joshua], come stai? Sto venendo a prenderti! Il mio obiettivo non è solo diventare il campione del mondo dei pesi massimi, ma il campione indiscusso!”.

Brividi alla Wembley Arena: Usyk supera Chisora ma non senza soffrire

 

 

 

 

 

 

 

Condividi su:
  • 715
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X