fbpx

Tszyu su Charlo: “Gli americani parlano troppo, ma noi li mettiamo KO!”

L’imbattuto astro nascente australiano Tim Tszyu ha risposto alle dichiarazioni provocatorie del campione WBC, IBF, WBA dei pesi superwelter Jermell Charlo.

Tszyu tornerà sul ring il 7 luglio, quando affronterà il connazionale Michael Zerafa a Newcastle. Charlo invece sarà impegnato il 17 luglio nella difficile sfida contro l’imbattuto campione WBO Brian Castano per la riunificazione dei titoli di categoria.

Alcuni considerano Tszyu il futuro dominatore dei supewelter, viste le ottime prestazioni che il talento australiano ha sfoderato nei suoi ultimi incontri. Charlo tuttavia nel corso della sua ultima intervista a Ringside ha dichiarato: “Tim ‘Kostya’ Tszyu non è al mio livello, non è al livello di competere per un titolo mondiale. Non è nemmeno all’altezza di combattere contro alcuni dei pugili che ho affrontato, probabilmente non avrà nemmeno la possibilità di affrontarmi nella mia carriera. Sono solo sincero con voi.”

Il figlio d’arte ha ottenuto due ottime vittorie nel 2020, la prima contro Jeff Horn, sconfitto per KO tecnico in otto riprese, la seconda in un solo round contro il malcapitato neozelandese Bowyn Morgan. Nel marzo 2021 Tszyu si è poi imposto in cinque riprese su Dennis Hogan, già due volte sfidante al titolo mondiale, prima contro Munguia e poi contro Jermall Charlo.

Tszyu è attualmente al primo posto della classifica WBO, quindi in caso di vittoria di Charlo su Castano sarebbe nominato sfidante ufficiale. L’australiano, sicuro che Charlo otterrà la vittoria, ha dichiarato ai microfoni di Fox Sport: “Una volta che diventerò lo sfidante ufficiale, non avrà altra scelta che combattere contro di me. I pugili americani sono così, gli piace parlare un po’ troppo. Ciò che facciamo qui in Australia è metterli al tappeto, proprio come faceva mio padre. Li mettiamo KO e poi torniamo qui. Lui sa chi sono. Ne è ben consapevole.

A livello nazionale ho combattuto contro chiunque. C’è un ultimo nome, un ultimo pezzo per completare il puzzle. Sento di aver ripulito completamente la mia divisione, dai pesi superwelter ai pesi medi. È stato bello in un certo senso, ma dopo il prossimo incontro ci sarà un’unica opzione possibile”.

Dalla Siberia all’Australia: 50 anni per Kostya Tszyu, l’incontrastato

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X