Grande occasione per Tommasone: contro Valdez per un sogno mondiale!

Condividi su:
  • 294
  •  
  •  
  •  

Notizia bomba per il pugilato italiano: Carmine “Mr Wolf” Tommasone (19-0-0, 5 KO) avrà presto la chance che ogni pugile sogna sin da bambino: quella di battersi per il titolo mondiale! Il “Lupo di Avellino” è stato infatti scelto come sfidante per la prossima difesa volontaria della cintura WBO dei pesi piuma dal detentore messicano Oscar Valdez (24-0-0, 19 KO). Il 2 febbraio 2019 lo vedremo sul ring al The Ford Center at The Star di Frisco in Texas per giocarsi il sogno. Quell’occasione mancata nel 2015 quando gli fu proposto un match contro Vasyl Lomachenko e la cui trattativa poi non andò a buonfine.

Tommasone, protagonista sin qui di una buona e immacolata carriera professionistica, si è reso noto sulla scena internazionale nell’estate del 2016, quando ha partecipato alle Olimpiadi di Rio approfittando delle innovazioni regolamentari che hanno consentito la presenza di atleti professionisti. Nella circostanza Mr Wolf ha superato brillantemente il primo turno per poi arrendersi ai punti al forte cubano Lazaro Alvarez, poi medaglia di bronzo. Nella boxe a torso nudo il nostro portacolori si è distinto per la conquista di riconoscimenti via via più prestigiosi partendo dal Titolo Italiano, passando per quello Intercontinentale WBA fino ad arrivare al Titolo Europeo agguantato nel 2015 grazie ad una performance dominante nei confronti del rivale scozzese Jon Slowey. Da allora, complice la sortita olimpica, il percorso di Carmine ha subito un rallentamento, evidentemente funzionale alla ricerca metodica dell’occasione importante che oggi, a 34 anni, si è finalmente concretizzata. Adesso il pugile campano dovrà vedersela con il tambureggiante messicano.

Oscar Valdez è un pugile di livello assoluto: picchiatore brutale dotato di autentica dinamite in ambo le mani è salito sul trono mondiale della WBO nel luglio del 2016 e da allora nessuno è riuscito a scalzarlo da lì. Il ventisettenne di Nogales viene da un match durissimo sostenuto lo scorso marzo contro il britannico Scott Quigg. Lo sfidante si presentò più pesante del consentito rinunciando quindi a priori alla possibilità di conquistare la cintura, ma sul ring ci salì lo stesso e pur venendo sconfitto chiaramente mise a segno bordate pesanti che produssero danni fisici consistenti nel campione, costretto a uno stop di quasi un anno per recuperare a pieno. Il match contro Tommasone, ritenuto probabilmente poco pericoloso in virtù della sua bassa percentuale di vittorie per KO, è dunque visto come uno step intermedio che consenta al messicano di riprendere confidenza con il ring, rimuovere la ruggine accumulata e prepararsi a sfide infuocate.

L’impresa di Tommasone appare dunque proibitiva per mille motivi ma conoscendo il carattere indomito del nostro connazionale siamo certi che non si farà condizionare da timori reverenziali di sorta e che darà l’anima e anche di più per ben figurare. Sognare non costa nulla, dunque perché non cullare il sogno di un’impresa leggendaria che sconvolga i pronostici e dia luce inaspettata al pugilato italiano?

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X