fbpx

Lopez: “Il mio mondiale è rimandato. Non ci sarà una sfida tra me e Commey”

Sia lui che suo padre hanno sempre chiesto a gran voce di avere una chance titolata quanto prima, di meritarla e di sentirsi pronti, pronti persino a scontrarsi e addirittura a battere Vasyl Lomachenko (13-1-0, 10 KO) .

Adesso però che il ragazzo di Brooklyn è lì ad un passo, ammette egli stesso di dover però fare un passo indietro o quantomeno di avere la necessità di rallentare un attimo prima di poter procedere sull’agognata scia mondiale.

Lo scorso 19 luglio Teofimo Lopez (14-0, 11 KO) ha guadagnato lo status di sfidante ufficiale al titolo IBF dei pesi leggeri del campione Richard Commey (29-2-0, 26 KO). Un risultato ottenuto con non poca fatica in uno dei match più impegnativi della sua carriera. Infatti seppur abbia vinto per decisione unanime e a pieni voti sulla carta, il suo rivale giapponese Masayoshi Nakatani (18-1-0, 12 KO) si è dimostrato un osso duro che non ha ceduto mai il passo ed ha incalzato battaglia fino all’ultimo minuto.

Non sono mancate così le critiche, soprattutto dei rivali di divisione, che hanno sottolineato i suoi presunti limiti al momento. Anche se per la giovane prospettiva ventiduenne sicuramente questa una preziosa lezione per il suo percorso di apprendimento sul campo, o meglio sul ring.

“È una lezione che serve ad imparare questa: Natakani è venuto per battersi. Quando affronti match importanti, incontri del genere, ovvero un’eliminatoria IBF dove in pratica il vincitore diventa obbligatorio per una sfida mondiale, una notte così devi aspettartela.

Se devo dire però che sono stato contento della mia esibizione, questo assolutamente no, come del resto ho chiaramente dimostrato. Nonostante tutto sapevo di aver vinto il combattimento, non ero preoccupato. Tuttavia ho dovuto trattare cose personali, problemi familiari. Ho guardato e pagato anche quelle cose. Sono sempre stato contento, ma in questi ultimi due match il prezzo di quelle cose oltre a quello di fare il peso hanno inciso su di me e la mia performance”, ha ammesso durante una recente intervista con sul canale “Max on Boxing”.

Tra le questioni di cui parla Lopez ci sono alcune fratture interne all’interno della propria famiglia, una fra tutte il fatto che di recente abbia sposato una donna che molti dei suoi familiari non approvano. E con suo padre, Teofimo Sr, come coach e sua madre parte integrante di diverse sue operazioni quotidiane, sorge per lui la preoccupazione di presentarsi dinnanzi a sfide molto più grandi nell’immediato futuro con tali questioni in corso.

“Se non risolviamo queste cose, non ci sarà una sfida tra me e Richard Commey”, ha rivelato Lopez. “Devo riorganizzarmi dentro di me. Posso battere tutti questi ragazzi, in modo impressionante e senza errori sul ring. Ma se Teofimo non è sereno quando è sul ring, allora questi saranno i risultati. Con questi problemi l’unica persona a battermi poi sono io stesso.

Dunque la chance titolata contro Commey e l’ipotetico match poi successivo contro il vincitore delle tre 3 cinture WBA, WBO e WBC tra Lomachenko e Campbell (20-2-0, 16 KO), per ora sembrano esser messi da parte per la necessità di rivedere i piani.

“Certo, sarà solo più difficile. La competizione diventa più dura. Combatterò di nuovo, ma non fino a quando tutto sarà di nuovo organizzato e tornato all’unità base”.

Condividi su:
  • 19
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X