fbpx

Lopez contro Taylor: “Preferirebbe salire a 147 libbre? Ha paura, hanno tutti paura di me!”

Il campione unificato dei pesi leggeri Teofimo Lopez è dell’idea che il nuovo re assoluto delle 140 libbre, Josh Taylor stia scappando da lui, così come lo stanno facendo, a suo dire, molti altri pugili in circolazione.

Dopo la strepitosa vittoria ottenuta lo scorso sabato a Las Vegas contro Josè Ramirez che ha permesso al “Tartan Tornado” di tornare a casa con tutt’e quattro le cinture dei superleggeri, Bob Arum è già a lavoro per il futuro del suo pugile. Alla fine dell’incontro iridato il mancino scozzese non ha dichiarato alcuna preferenza circa i prossimi avversari, piuttosto si è detto pronto ad affrontare chiunque gli metteranno di fronte. Tuttavia di recente il promoter della Top Rank ha menzionato la possibilità di un big match tra il 30enne di Edimburgo e il formidabile campione WBO dei pesi welter americano Terence Crafword.

Proprio a tal proposito il “Takeover” di Brookyn ha voluto metter bocca visto che nei mesi che hanno seguito la sua sorprendente vittoria contro Vasiliy Lomachenko ha più volte lanciato il suo guanto di sfida verso Taylor e quest’ultimo si era detto propenso a coglierlo.

“Sta parlando di salire nelle 147 libbre, come mi aspettavo. Hanno paura, amico. Hanno tutti paura. Ecco come la vedo io, amico. Lo sanno, amico. Sono troppo veloce, troppo intelligente, sono troppo in forma e troppo forte. Preferirebbe salire a 147 libbre perché batterebbe un sacco di ragazzi, sarebbe più veloce sulle gambe e sarebbe in grado di cavarsela meglio lì. Non sono stupido, amico. Capisco come funziona il gioco. Ma prima o poi sentiranno quella pressione e anch’io lo affronterò. Proprio come è successo con Loma.

Alla fine non tutti lo sentite, ma io sì. Sento odore di paura in tutti quei ragazzi. Riesco a vederla in faccia e la vedo nei loro team. Sentono la pressione. Sono giovane, ma allo stesso tempo sono preparato. Ve l’ho detto, però, è troppo tardi per tutti. È troppo tardi. Ho preso il pugile più tecnico e l’ho battuto. Cosa diavolo porta Josh Taylor in tavola? Lui mi porta solo le cinture, è tutto quello può fare”, ha dichiarato durante una intervista recente.

Certo dire di un pugile (Pugile con la P maiuscola!) del calibro di Taylor, che nella sua carriara ha battuto ex campioni come Regis Prograis, Viktor Postol e Ivan Baranchyk e che potrebbe decidere di affrontare uno dei pugili più temuti ed evitati del momento come Crawford, che abbia timore è forse alquanto inappropriato; eppure Lopez ne è convinto: di coraggiosi (e bravi) come lui non ce ne sono.

“Ho affrontato Lomachenko perchè mi piace sfidare me stesso prima di tutto e questo mi ha portato a un altro livello ora. Lo vedrete il 19 giugno [contro George Kambosos], lo vedrete davvero. Io vedo già tutto, lo vedo più chiaramente di prima. E apprezzo me stesso, prima di tutto, perchè sono in grado di mettermi in gioco a differenza di questi altri combattenti!”.

Taylor risponde a Lopez: “Sarà una bella sfida…finché dura, credo che lo metterò KO!”

 

 

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X