fbpx

Stevenson domina Clary. Ora punta al titolo mondiale

Un altro incontro, un’altra semplice vittoria per Shakur Stevenson. Ieri sera la medaglia d’argento ai giochi di Rio nel 2016 ha vinto ai punti contro Toka Kahn Clary, in un evento trasmesso in diretta su ESPN, a The Bubble al MGM Grand di Las Vegas. I tre giudici hanno sancito una vittoria unanime a favore dell’ex campione del mondo WBO dei pesi piuma tutti con 100 a 90 sui rispettivi cartellini.

Il dominio di Stevenson inizia sin dalla prima ripresa con un ottimo diretto sinistro, che gestisce il ritmo e le distanza. Appena riesce ad accorciare le distanze il 23 enne scarica combinazioni di tre colpi devastanti e veloci. Uno sei Jab sinistri fa barcollare Clary a metà della frazione, che subisce la potenza d’incontro del campione ma riesce ad assorbirlo.

Nel secondo round, Clary prova ad accorciare la distanza per aumentare il numero di colpi a bersaglio, ma inevitabilmente si espone ai colpi precisi e veloci di Stevenson. Quest’ultimo ha continuato il suo lavoro con il jab anche nella terza ripresa, punendo ogni disattenzione del suo avversario.

Dalla quarta frazione, Stevenson appare in controllo assoluto, Clary, 28enne nato in Liberia, appare ormai quasi uno spettatore, aspetta alla media distanza i colpi del suo avversario, provando con il movimento del tronco e chiudendosi in guardia di arginare i colpi del suo avversario.

Kahn Clary prova a dare segnali di vita nel sesto round, trovando i primi due colpi a segno del combattimento, ma subisce la dura risposta di Stevenson, che aggredisce l’avversario con colpi caricati al corpo. Durante la settima ripresa continua l’opera demolitrice del pugile statunitense, che nonostante attacchi in maniera costante, non riesce a trovare il colpo risolutore.

Dall’ottavo round fino all’ultima campanella, è un monologo esclusivo dell’argento olimpico a Rio che prova in tutti i modi a chiudere l’incontro, con colpi singoli, senza successo. Clary resiste ad ogni attacco senza opporre alcuna resistenza degna di nota, cerca solo di arrivare all’ultima campana. Inevitabile il verdetto schiacciante a favore di Stevenson, nel quale i giudici assegnano tutte le riprese al pugile statunitense.

Shakur Stevenson al termine del match ha dichiarato: “Ho sfidato un pugile esperto, che ha saputo resistere e sopravvivere. Lo conoscevo fin da quando eravamo entrambi dilettanti. Sapeva come sopravvivere ed è quello che ha fatto. Io voglio la cintura WBO dei superpiuma. Il vincitore tra Frampton e Herring se la dovrà vedere con me. Dopo questa sfida il mio obiettivo sarà Miguel Berchelt”.

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X