fbpx
Featured Video Play Icon

Spence: “Sono tornato e voglio mettere su un grande spettacolo nel 2020”

Sono passati più di due mesi dal suo pericolossissimo incidente in auto, dal quale uscì miracolosamente quasi indenne. Il 10 ottobre la sua ferrari bianca che viaggiava ad alta velocità sulle strade di Dallas dopo una notte brava in discoteca, perse il controllo e si ribaltò facendo balzare fuori dall’abitacolo Errol Spence. Seguirono la corsa d’urgenza in ospedale, la terapia intensiva e una settimana di ricovero.

Da allora il volto del campione IBF e WBC dei mesi welter non è più apparso in pubblico, se non in qualche scatto rubato, nè sono trapelate dichiarazioni chiare sul suo ritorno. Ma lo scorso sabato il campione WBC e IBF dei pesi welter ha concesso ai media di riprendere la sua prima apparizione dopo l’infortunio e, in esclusiva per Fox Sports, ha rilasciato la sua prima intervista dopo l’accaduto al microfono del giornalista dell’emittente americana, Brian Kenny.

“Mi sento bene e ho trascorso del tempo con la mia famiglia, con i miei amici e la mia bambina mentre sono rimasto fuori dalla boxe. Mi sono preso un po’ di tempo libero e ora mi sento rinato e pronto a tornare in palestra e ad allenarmi duramente. Le mie costole erano solo doloranti. Tutto il mio corpo era dolorante. Immagino sia stato un miracolo di Dio.

Questo mi ha davvero protetto dall’incidente, perché probabilmente chiunque altro sarebbe morto. È stata una benedizione. Non ricordo troppo. Ma non posso neanche parlarne molto in questo momento. C’è ancora un caso aperto in corso, sono stato avvisato dal mio avvocato. Quindi non posso parlarne.

La settimana scorsa sono tornato ad allenarmi e non avevo dolori o altro. Mi sento solo come quando hai riposato a lungo. Non aver avuto nulla di grave è statta davvero una fortuna perché quest’incidente avrebbe potuto metter fine alla mia carriera”, sono state le parole di Spence.

Dopo aver appurato che fisicamente sta bene, ovviamente il giornalista lo ha interrogato sui suoi piani futuri da adesso in poi. Il 29enne texano solo un paio di settimane prima dell’incidente, si era laureato campione delle 147 lb anche per il WBC, aggiungendo tale titolo al proprio IBF dopo uno scontro molto competitivo, valevole appunto per la riunificazione delle cinture, contro Shawn Porter. Portata a casa quella vittoria era arrivato subito a fine incontro il nome di quello che sarebbe stato il suo avversario successivo, ossia Danny Garcia che Spence avrebbe dovuto affrontare il 25 gennaio. Ovvimente impegno saltato per via di questo imprevisto che gli ha procurato soprattutto ferite al viso.

“Ritornerò sicuramente l’anno prossimo, in estate o in primavera. Non ho restrizioni. Sono stato autorizzato. Hanno fatto tutti i tipi di controlli su di me e pensano che sia un miracolo. Ho sicuramente intenzione di mettere su un grande spettacolo quando torno. La seconda volta, non darò nulla per scontato.

Ce la farò. Combatterò a maggio o giugno. Quindi ho già iniziato ad allenarmi, ho colpito i guanti e tutto. Ho anche corso. Mi sento bene, quindi posso cominciare con l’allenamento duro all’inizio del 2020. Voglio affrontare uno dei migliori combattenti, non voglio un combattimento di rodaggio al rientro. Sono il miglior pezzo grosso dei welter. Sono il re della divisione.

Quei ragazzi vorrebbero che non fossi tornato così in fretta, ma sono tornato e voglio combattere un ragazzo di spicco della divisione. Che si tratti di Manny Pacquiao, Terence Crawford o di Danny Garcia. Questi sono i nomi principali. Voglio essere il campione del mondo indiscusso dei pesi welter”, ha dichiarato Spence.

Condividi su:
  • 75
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X