fbpx

Aggiornamenti sullo stato di salute di Spence. PBC: “È sveglio e risponde”

Dopo la triste notizie di ieri, riguardante l’incidente che ha coinvolto sulle strade di Dallas il campione IBF e WBC dei pesi welter Errol “The Truth” Spence, ed il primo allarmante bollettino medico, che recitava una quadro clinico alquanto critico tanto da dover collocare il texano in terapia intensiva, l’ente promozionale del pugile, la Premier Boxing Champions, ha rilasciato quest’oggi degli aggiornamenti positivi sul suo stato di salute.

“Spence è sveglio e risponde e le sue condizioni sono classificate al momento come stabili. Non ha riportato ossa rotte o fratture, ma ha alcune lacerazioni facciali. Si prevede la sua completa ripresa”, afferma la loro nota a mezzo social.

Nonostante il bruttissimo impatto avvenuto ad alta velocità con conseguente distruzione completa della sua ferrari, ribaltatata più volte su se stessa e che lo ha catapultato ad un certo punto fuori dall’abitacolo, dunque il campione pare averla scampata bella.

“Al momento sta riposando con accanto la sua famiglia. Gli Spence vogliono ringraziare tutti per le loro preghiere e i loro auguri. Sono estremamente grati ai primi soccorritori di Dallas che si sono precipitati sulla scena dell’incidente e ai medici che si stanno prendendo cura di lui in ospedale”.

Adesso certamente per lui è comunque tutto da rifare. Lo scorso 28 settembre allo Staples Center di Los Angeles, ha conquistato la sua seconda cintura di categoria battendo ai punti l’ex campione WBC Shawn “Showtime” Porter e tra i suoi programmi c’era già quello di ritornare sul ring, probabilmente il 25 gennaio, per una difesa volontaria contro Danny “Swift” Garcia per poi proseguire con le altre riunificazioni nel corso del 2020. Programmi che adesso per forza di cose dovranno esser rivisti completamente.

Condividi su:
  • 176
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X