fbpx

Sergio Martinez non rinuncia al suo ritorno: “Maravilla” vorrebbe Kerman Lejarraga

L’ex campione in due diverse categorie di peso, Sergio “Maravilla” Martinez (51-3-2, 28KO), non rinuncia ai suoi propositi di tornare sul ring. L’argentino, che lo scorso febbraio ha spento 45 candeline, sembra aver scelto finalmente il nome del suo prossimo avversario. Martinez non combatte dal 7 giugno 2014, data nella quale venne sconfitto da Miguel Cotto alla decima ripresa nello scenario del Madison Square Garden di New York.

Il suo ritorno sul ring ha subito un rinvio a causa dell’esplosione della pandemia da Covid-19, che sta mettendo in ginocchio anche gli eventi sportivi. Martinez, però, conta di tornare ad indossare i guantoni entro la fine di quest’anno o, al massimo, ad inizio 2021. Inizialmente l’obiettivo di Martinez era Julio Cesar Chavez Jr, già sconfitto nel 2012 ai punti e per decisione unanime, ma adesso Maravilla ha in mente un nome diverso da quello del messicano. L’argentino, infatti, ha deciso di sfidare lo spagnolo Kerman Lejarraga (30-2, 24KO) in un match che potrebbe svolgersi tra dicembre e gennaio.

Penso che sarebbe un bel match – ha dichiarato Martinez – è un buon pugile, sembra molto forte. È una sfida che mi ecciterebbe molto. Sarebbe un duello tra due stili differenti. Kerman oltre ad essere molto forte è stato anche molto attivo di recente. Io non combatto da sei anni, forse avrei dovuto fare prima almeno un incontro di rientro, per ritrovare il contatto con il ring, le corde, il tappeto… Perché durante il match è tutto diverso rispetto a quando ti alleni. Per quanto mi stia allenando bene, sono convinto che la cosa più logica sia quella di mettermi alla prova in un vero combattimento. Il match con Kerman avverrà tra gennaio e dicembre; allora avrò quasi 46 anni, ma ne sono ben consapevole“.

Martinez ha svelato che questa idea gli è venuta durante una chiacchierata con Miguel Cotto, con il quale ha stretto un ottimo legame di amicizia: “Questa è un’idea che ho discusso con Miguel Cotto, che ora è mio partner e mio amico. Mi ha detto che gli piaceva e che non gli sembrava poi così folle. Potremmo combattere a Madrid o Bilbao, in Spagna potrebbero esserci molte persone interessate ad assistere al match. Io continuerò ad allenarmi e non appena avremo notizie sulla fine della pandemia capiremo quando potrà avere luogo“.

Condividi su:
  • 129
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X