fbpx

Saunders valuta il ritiro: “Se mio padre mi dirà di lasciar perdere, allora è quello che farò”

L’ex campione WBO dei supermedi Billy Joe Saunders sta guardando al suo futuro dopo la rovinosa sconfitta subita il mese scorso contro la superstar messicana Saul Alvarez, e non esclude un possibile ritiro. L’8 maggio, sul ring dell’AT&T Stadium di Arlington, il “Superbo” pugile britannico non è riuscito a uscire indenne dal match contro il detentore dei titoli WBC e WBA delle 168 libbre: non solo ha fallito la riunificazione mondiale delle cinture, ma ha anche rimediato un gravoso infortunio alla cavità orbitaria destra che lo ha indotto a fermarsi.

A chiudere la contesa, e forse la carriera del mancino di origini gitane, è stato il montante da antologia messo a segno da Canelo nell’ottavo round che ha raggiunto Saunders in viso e ha gonfiato vistosamente il suo occhio. Dopo otto riprese giocate sul filo dell’equilibrio Billy Joe è stato costretto a non alzarsi dallo sgabello e ritirarsi consegnando così il mondiale al suo rivale. Subito dopo l’incontro è stato trasportato in ospedale dove la diagnosi è stata quella di fratturazione multipla dell’osso e la decisione dei medici quella di operare un intervento chirurgico immediato.

“In fin dei conti, ho 31 anni, se non volessi lavorare mai più, se volessi rilassarmi, se volessi riposarmi, potrei farlo. E così dovrebbe essere, ho dedicato un sacco di tempo alla boxe e ho fatto le mie esperienze. Lo sport è stato molto, molto buono con me”, ha dichiarato in un’intervista recente. “Ho 31 anni, non ho preso nessuna punizione, non sono stato picchiato di qua o di  là, non ho un cervello morto e non riesco a mettere insieme una frase, quindi devo sedermi e valutare le mie opzioni.

Perché le opzioni devono essere pesate – non posso pensare solo di arrivare e combattere per il rating mondiale o qualcosa del genere, le cinture non danno da mangiare ai bambini. Ogni cosa deve incastrarsi e l’occasione dev’essere quella giusta. Perché venir fuori da combattimenti del genere, è molto difficile, dove vai da poi? Farò una chiacchierata con mio padre perché avrà una grande voce in capitolo, anzi ne avrà più di me ad essere onesti. È una di quelle cose da 50 e 50. Se dirà: ‘Lascia perdere, figliolo, non tornare più, allora probabilmente è quello che farò'”.

Canelo lavora alla sfida di riunificazione. Plant chiede 10 milioni di dollari!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X