fbpx

Sauerland presenta la terza stagione delle WBSS: solo donne, le superpiuma!

Il promoter Kalle Sauerland annuncia la terza stagione del torneo World Boxing Super Series: a contendersi il Muhammad Ali Trophy questa volta saranno le donne! Dopo le due precedenti edizioni che hanno visto protagonisti, nella prima i pugili uomini dei pesi supermedi e dei cruiser e le vittorie rispettivamente di Callum Smith e Oleksandr Usyk, e nella seconda quelli dei gallo, supermedi e cruiser con le vittorie di Naoya Inoue, Josh Taylor e Mairis Briedis, nelle WBSS III sarà solo il gentil sesso della categoria dei superpiuma a sfidarsi. Un evento che ha del sapore storico per la boxe femminile che, negli ultimi anni soprattutto, ha fatto passi da giganti conquistandosi spazi sempre più ampi, quelli giusti.

“È qualcosa di cui abbiamo discusso sin dalla nostra inaugurazione e mi dà una grande, grande soddisfazione – e noi delle World Boxing Super Series con grande piacere annunciamo la terza stagione: le donne, i pesi superpiuma!”, sono state le parole con il quale l’organizzatore tedesco ha presentato il nuovo torneo. “Il livello di competizione è più caldo che mai. Riteniamo che la categoria dei superpiuma è una divisione che ha tanto spessore e che consente anche alle pugile che sono nelle divisioni circostanti di partecipare. Sentiamo che questo è il momento, il momento giusto, la boxe femminile non è mai stata così bella. Ci aspettiamo una stagione spettacolare!

Il pugilato femminile viene da un’epoca in cui era proibito, in cui non esisteva in uno sport dominato dagli uomini, dove doveva combattere per il posizionamento sulle card e per ottenere qualsiasi tipo di attenzione. Ricordo la prima sfida per il titolo mondiale che ho promosso per Cecilia Braekhus due decenni fa, ha avuto luogo su un undercard! Cecilia ha continuato a unire lo sport ed è diventata a pieno diritto un’headliner, un’eroina nazionale, un’ambasciatrice globale. Anche molte altre grandi pugili hanno portato in alto la bandiera del pugilato femminile: Regina Halmich, Jane Couch, Nicola Adams, Holly Holm, Katie Taylor. Ce ne sono così tante. Ma l’opportunità che le World Boxing Super Series offrono alla boxe femminile non è seconda a nessuno: insomma, la missione, un’altra missione per il Muhammad Ali Trophy è iniziata”.

Testa, Sorrentino, Carini e Nicoli a Tokio: il poker che salva la partecipazione dell’Italia alle Olimpiadi!

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X