fbpx

Salita: “Otto è pronto alla sua rivincita anche se adesso Fury è il re della divisione”

Il promoter Dmitriy Salita ha rivelato che Otto Wallin vuole cercare di ottenere la sua rivincita con Tyson Fury. Il pugile svedese, che aveva messo in grossa difficoltà il Gipsy King nel loro confronto dello scorso settembre, ha poi visto la sua carriera arenarsi bruscamente dopo aver subito un infortunio al piede e aver recentemente fatto i conti con alcuni sintomi probabilmente derivanti dal coronavirus.

Wallin doveva combattere contro Lucas Browne a marzo, ma si è infortunato nel corso della preparazione al match e tale intoppo gli ha impedito di salire sul ring. Il 29enne ha dovuto ulteriormente rallentare la sua preparazione fisica essendo stato verosimilmente contagiato dal COVID-19 come parrebbe suggerire la sua perdita del senso del gusto e dell’olfatto. Ora lo svedese sta tornando in piena salute e dovrebbe ritrovare la condizione fisica ottimale in poche settimane; Salita spera di poterlo guidare verso un secondo combattimento con Fury, che due mesi fa è stato incoronato campione WBC dei pesi massimi grazie alla sua vittoria su Deontay Wilder.

“Otto è a New York ora. Si sta riprendendo e fa fisioterapia a casa per il piede”, ha detto Salita a Sky Sports. “All’inizio di maggio sarà pronto per tornare ad allenarsi normalmente. Ha avuto qualche mese impegnativo tra l’infortunio al piede e il coronavirus, ma è di buon umore e ora è in buona salute.

Quando le cose torneranno alla normalità, lo faremo tornare sul ring. Tyson Fury è il re della divisione. Dietro di lui c’è uno spazio enorme e credo che Otto sia la migliore alternativa per occuparlo. Una volta che avrà fatto due o tre incontri di rientro sarà davvero pronto per la rivincita con Fury.”

Nel corso del loro match Wallin riuscì ad aprire degli squarci intorno all’occhio del popolare fighter anglo-irlandese dando vita a una brutale battaglia e arrendendosi soltanto ai punti per quella che è stata la sua prima sconfitta da professionista. Quella sfida si presentava come un semplice match di collaudo per Tyson Fury che secondo molti osservatori avrebbe dovuto sbarazzarsi di Wallin con la stessa facilità con cui aveva annichilito il tedesco Tom Schwarz, messo KO in due riprese tre mesi prima. Così non è stato e visto il successivo trionfo del Gipsy King ai danni di Wilder e la sua incoronazione quale autentico campione dei massimi secondo la rivista The Ring, la prova dello scorso anno di otto Wallin ha assunto a posteriori un valore ancora maggiore.

Riuscirà lo svedese a rendersi protagonista di altre prove di spessore e a ottenere una rivincita con la stella del momento?

Condividi su:
  • 191
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X