fbpx

Garcia-Duno, co-main event di Canelo-Kovalev: “Finalmente la mia chance”

Dopo moltissime discussioni e tweet velenosi, Ryan Garcia (18-0, 15KO)  ha ottenuto tutto ciò che voleva, incluso l’avversario che aveva sempre preso di mira.

Il prospect imbattuto dei pesi leggeri non avrebbe potuto godere di un finale più felice dopo il suo recente periodo tumultuoso. Periodo di forte discussioni che lo ha visto senza avversario e in forte acredine con il suo promoter. Un incontro a metà settimana tra Garcia e Golden Boy Promotions ha portato ad un nuovo e redditizio contratto, con una lunga proroga, che partirà dal suo prossimo incontro del 2 novembre contro Romero Duno, pugile 23enne filippino.

L’incontro sarà considerato co-main event nell’evento del 2 novembre che vedrà Saul “Canelo” Alvarez sfidare il campione mondiale WBO dei medio massimi Sergey Kovalev, che verrà trasmesso in diretta su DAZN dal MGM Grand di Las Vegas.

“Sono emozionato. Il co-main event è un grande onore, specie se è in una delle card che sarà probabilmente la più importante di quest’anno”, ha dichiarato il pugile californiano, durante una conferenza stampa, tenutasi mercoledì sera alla Union Station di Los Angeles. “È una grande serata e posso combattere contro l’avversario che voglio, Romero Duno. Hanno detto tutti che ero spaventato. Ora posso mostrare a tutti di cosa sono fatto”.

Un accoppiamento Garcia-Duno era stato chiacchierato per tutta l’estate, tuttavia Garcia ha respinto l’idea all’inizio perché non sarebbe stato un evento che lo avrebbe messo in luce. Visto che il pugile statunitense è orientato ad essere il protagonista degli eventi Golden Boy, e non un semplice gregario legato ad esibirsi nelle undercard.

L’idea è riemersa proprio lo scorso fine settimana, quando Golden Boy Promotions ha proposto il match quando Avery Sparrow, avversario di Garcia il 14 settembre è stato arrestato poche ore prima del match.  La Golden Boy vista l’impossibilità di rispettare l’impegno per la metà di settembre, ha rinviato l’incontro tra i due a novembre, dove potranno sfidarsi come co-main event. Ora Garcia, ottenuta la chance sperata, dovrà mettere nuovamente a tacere i suoi critici, che lo descrivono come acerbo.

“Dovrò sempre mettermi alla prova ”, ha osservato Garcia. “Ho avuto critiche sin dai tempi del dilettantismo. I miei talenti ora stanno raggiungendo il massimo potenziale, oltre la mia etica del lavoro, e lo vedrete il 2 novembre. È un grande momento per me. Ci sono tante novità nella mia vita. È la mia occasione e non lascerò sfumare questa opportunità.”

Condividi su:
  • 44
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X