fbpx

Ryan Garcia ritorna sul ring dominando Emmanuel Tagoe

Il celebre ritorno sul ring di una delle giovani stelle nascenti della boxe ha visto il 23enne contendente dei pesi leggeri, Ryan Garcia che ha dominato ai punti Emmanuel Tagoe. I giudici hanno assegnato la vittoria all’unanimità la vittoria al talento statunitense. (119-108; 118-109; 119-108).

“Ho dovuto accompagnarlo fino alla fine, non mi stava dando nulla”, Garcia ha ammesso sullo stile rinunciatario di Tagoe al match. “Imparerò di più, so che ho molte più talento da esprimere dentro di me.

Mi ha reso davvero difficile chiudere il match. Era furbo con l’utilizzo del clinch, e stavo cercando di mandarlo KO, ma si muoveva molto. E’ stata una nuova esperienza. Penso che dovrò tagliare meglio il ring con dei pugili che si muovono molto sul ring. 

Mi ha fatto molto piacere l’amore che mi ha dimostrato San Antonio. E’ stato bello che dopo un anno e mezzo lontano dal ring, essere stato ricevuto da una grande folla. E ‘una benedizione. Volevo metterlo fuori combattimento, ma era molto furbo. Sul ring potevo sentire i miei colpi entrare a bersaglio molto potenti e precisi, ma lui è stato un ottimo incassatore, è riuscito ad assorbire ogni singolo pugno.”

Ryan Garcia inizia subito bene alla prima ripresa usando colpi lunghi e veloci, il suo avversario a tratti scomposto fatica a leggere i movimenti del suo avversario. A metà del secondo round Tagoe subisce una sfuriata del suo rivale e finisce al tappeto.

Garcia controlla assolutamente match e distanze, che accorcia solo per scagliare le sue combinazioni lunghe e veloci, sembra di essere in grado di mandare al tappeto il suo avversario in ogni momento, tuttavia sceglie di continuare il match prendendosi molte pause.

Pause che il pugile ghanese non riesce a sfruttare anzi le usa per riprendere fiato e trovare nuove energie per proseguire il match. L’incontro si è deciso dalle prime riprese con Garcia che ha dominato il suo avversario con combinazioni veloci e devastanti fino all’ultima campanella.

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X