fbpx

Ryan Garcia furioso con DAZN: “Perché ESPN sta andando e noi no?”

Il 21enne Ryan Garcia, nuova stella della Golden Boy Promotios di Oscar De La Hoya, ha discusso pubblicamente riguardo il suo rapporto con DAZN. Il nuovo prospect dei pesi leggeri, si è detto furioso per il trattamento a lui riservato dall’emittente leader dello streaming legale. Golden Boy stava organizzando un evento con protagonista Garcia in data 4 luglio a Indio in California, che però al momento non si svolgerà.

Secondo Garcia, DAZN non sta offrendo i fondi necessari per far sì che possa combattere per quella data e, inoltre, a causa del contratto esclusivo che lega il servizo di streaming con Golden Boy, non può permettersi di scegliere il luogo dove combattere. L’ultimo combattimento di Garcia risale ormai al mese di febbraio: in quell’occasione il giovane californiano ha trionfato al primo round contro Francisco Fonseca.

Garcia aveva in programma di combattere Jorge Linares, ma la pandemia da Covid-19 ha fatto rimandare questo match a data da destinarsi. Stando alle parole del 21enne californiano, DAZN ha fatto saltare il match perché non è stato in grado di offrire sul piatto 200.000 dollari.

“Perché sono trattenuto per motivi economici? Qual è il problema qui? – ha dichiarato Garcia – non sto chiedendo 100 milioni ma solo ciò che mi spetta. Voglio solo l’assegno che mi merito. Non mi preoccupo di quello che sta facendo la Golden Boy in questo momento. Voglio solo che DAZN mi chiami, sono stufo degli intermediari, devono parlare direttamente con me. Devono spiegarmi perché non possono succedere certe cose. Shakur Stevenson è andato ieri notte. Perché ESPN sta andando e noi no?”.

Il presidente della Golden Boy, Erik Gomez, ha spiegato come sarebbe stato pagato Ryan Garcia.

“Abbiamo un contratto esclusivo con DAZN, così come noi abbiamo l’esclusiva con Ryan. Questo è un momento molto difficile, probabilmente è la crisi economica peggiore dopo la Grande Depressione. Il prossimo match di Ryan non vedrà la presenza del pubblico. Il suo botteghino si solito è significativo. Ma non gli è stato chiesto di ridursi lo stipendio. Nel contratto che abbiamo recentemente firmato c’era scritto che gli avremmo concesso un integrazione di stipendio oltre al minimo richiesto”.

Ryan Garcia: “Con noi sarà come ai tempi di Duran, Hagler e Hearns”

Condividi su:
  • 2
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X