fbpx

Ryan Garcia: “Non credo che ci sia una sola persona che Canelo non possa battere!”

La giovane promessa californiana, neo campione WBC ad interim dei pesi leggeri, Ryan Garcia idolatra il proprio compagno di scuderia Saul Alvarez. Lo scorso sabato King Ry era a bordo ring quando, all’Hard Rock Stadium di Miami, la star messicana siglava il suo ennesimo trionfo disfandosi in soli tre round del suo sfidante ufficiale per la cintura WBC dei supermedi, Avni Yildirim. Così come Canelo lo ha sostenuto durante il suo incontro più importante della carriera, quello di gennaio contro Luke Campbell che gli ha permesso di guadagnarsi lo status di sfidante al titolo, Garcia era lì a far il tifo per il suo grande amico e mentore.

“[Yildirim] Era come un cervo abbagliato dai fari, non riusciva a muoversi. Non ha tirato neanche un jab. Non ha tirato quasi nulla a dir la verità. Quando lo ha fatto, Canelo lo ha bloccato, sa farlo abbastanza bene! Canelo ha boxato come voleva, ha fatto un match perfetto. La fiducia che Canelo ha è ciò che gli ha permesso di avere tutti i titoli che ora detiene”, ha dichiarato Ryan ai microfoni di DAZN dopo aver visto il match.

“Ha una fiducia in se stesso che è di un altro livello. La sua è qualcosa che va oltre la semplice fiducia. Ha totale consapevolezza. Vuole fare la storia, vuole fare qualcosa che sarà ricordata. Canelo sta cercando di battere tutti – e se sei un pugile, perché non dovrebbe essere il tuo sogno? Non credo che ci sia una sola persona [là fuori] che lui non possa battere. C’è solo un senso per lui, ha quest’aura intorno, del ‘nessuno può scherzare con me, posso combattere con chiunque'”.

Il team del noto allenatore Eddy Reynoso oltre a fregiarsi della presenza di uno dei migliori pound for pound al mondo come Canelo, può vantare adesso anche quella di altri talenti come Garcia e Oscar Valdez che grazie al coach di Guadalajara stanno inanellando importanti successi. Una squadra forte e coesa dove i tre campioni, assieme ad altri pugili messicani, riescono a darsi una mano l’un l’altro e a crescere insieme ed insieme portano avanti i propri obiettivi.

Alvarez spinge Yildirim al ritiro in tre riprese: ora tocca a Saunders!

Condividi su:
  • 673
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X