fbpx

Ruiz: “Olimpiadi? No, il mio sogno è vincere ancora qui e zittire molte bocche”

Il mondo si prepara alla rivincita del 7 dicembre tra Andy Ruiz (33-1-0, 22 KO) ed Anthony Joshua (22-1-0, 21 KO). Così come lo fanno i due protagonisti pronti a stupire (nel bene o nel male) ancora una volta, ma sul ring di Diriyah in Arabia Saudita.

Il neo campione IBF, WBA e WBO dei pesi massimi in special modo, dopo aver scioccato tutti il primo giugno al Madison Square Garden di New York con una prestazione alquanto maiuscola ed aver inflitto la prima dolorosa sconfitta al britannico, conta di rinconfermarsi, seppur però aspettandosi questa volta uno scontro più difficile.

“Ho molto rispetto per Anthony, al di fuori del ring è davvero un brav’uomo, molto. Ma dentro il ring invece non ci sono amici, non c’è rispetto o altro. Non sarà una sfida facile. Penso che sarà un incontro molto duro, ma nulla è facile nella vita, quindi ci stiamo allenando molto intensamente. Saremo preparati per qualsiasi cosa Joshua porti”, ha dichiarato a ESPN Deportes.

Al loro primo incontro Ruiz è arrivato con neanche un mese di preavviso poichè, come più che noto, è entrato in questa sfida in seconda battuta andando a sostituire lo sfidante statunitense determinato già da tempo per il debutto in America di AJ, Jarrell “Big Baby” Miller, nel frattempo risultato positivo a tre sostanze dopanti e sospeso dall’attività agonistica per sei mesi. Al secondo invece arriva ben più preparato.

“Arriverò in condizioni migliori. Più leggero, più veloce e più potente. Crederanno di poter vincere a dicembre. La persone continuaranno sempre a dire questo, ma ho fiducia in me e nella mia squadra. Vinceremo e zittiremo molte bocche”, ha proseguito.

A proposito di bocche da zittire e voci da placare, Il “Detroyer” di Imperial ha anche precisato che, dopo aver ricevuto l’invito dal presidente del movimento pugilistico messicano, non ha intenzione di partecipare alle Olimpiadi di Tokio 2020, in veste di rappresentante del Messico:

“Non è una cosa per me. Ho scelto la boxe professionistica ed è lì che sono. Quel che penso è che sia meglio piuttosto dare l’opportunità ad altri giovani ragazzi che hanno il sogno di andare ai Giochi Olimpici”.

Intanto il campione proseguirà sui suoi di sogni. Dopo aver raggiunto quello mondiale a giugno, adesso urge per lui riconfermarsi.

Condividi su:
  • 197
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X