fbpx

Reynoso: “Il meglio di Saul sta arrivando: è adesso che si vedrà il Canelo migliore”

Saul “Canelo” Alvarez (53-1-2, 36KO), oltre ad essere campione in quattro divisioni di peso differenti nonché uno degli atleti più pagati a livello mondiale, è anche da molti considerato come il miglior pugile pound for pound. Ciononostante, stando a quanto affermato di recente dal suo allenatore, Eddy Reynoso, il meglio deve ancora venire.

Saul è nel momento migliore della sua carriera: è maturo ma allo stesso tempo ancora giovane, ha acquisito molta esperienza e non prende pugni quindi gli resta ancora molto tempo da trascorrere nel pugilato. Speriamo che continui con la stessa disciplina e la stessa obbedienza, ma credo che non avrà problemi a farlo perché è già una persona matura. Penso che il meglio di Saul stia arrivando: è adesso, nella seconda fase della sua carriera, che si vedrà davvero il meglio di Saul”.

A riprova del grande lavoro che i due, trainer e pugile, stanno facendo, c’è l’onorificenza che gli ha assegnato la Boxing Writers Association of America (BWAA). L’associazione, infatti, ha premiato Eddy e Canelo rispettivamente come miglior trainer e miglior atleta dell’anno. Si è trattato di un evento storico, visto che è la prima volta che due messicani ricevono questo premio nello stesso anno.

Una volta che la crisi dovuta alla pandemia da Covid-19 che ha messo ko l’intero globo si sarà allentata, il rosso messicano dovrebbe tornare a combattere a settembre, per la terza volta, contro Gennady “GGG” Golovkin (40-1-1, 35KO), che lo scorso ottobre ha ottenuto il titolo IBF dei medi battendo ai punti e per decisione unanime l’ucraino Sergiy Derevyanchenko (13-2, 10KO).

Reynoso ha anche ammesso che non avrebbe mai scommesso che Canelo avrebbe raggiunto la vetta in questo sport, non perché non credesse in lui, quanto piuttosto perché la nobile arte è una disciplina molto impegnativa: “Sarei ipocrita se ti dicessi che avrei scommesso che avrebbe raggiunto questi livelli, non perché non credessi in lui, chiunque esperto ti avrebbe risposto che sarebbe stato impossibile. Nel pugilato il fisico è molto importante e lui è sempre molto piccolo per la sua divisione“.

 

 

 

Condividi su:
  • 208
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X