fbpx

Reynoso: “Non compriamo incontri o avversari! Kovalev sta screditando Canelo”

Eddy Raynoso scende in campo in difesa di Saul “Canelo” Alvarez.

L’allenatore capo del campione messicano risponde alle recenti affermazioni dell’ex detentore del titolo WBO dei pesi mediomassimi Sergey Kovalev, il quale dopo la sconfitta contro il rosso di Guadalajara dello scorso due novembre, tramite un video postato sui canali social di recente, ha insinuato di aver accettatto questa sfida un po’ di “favore”, lasciando così intendere quasi che l’incontro sia stato un combattimento farlocco.

Nel video il 36enne “Krusher” russo ha affermato che vincere a quelle condizioni era impossibile, che fosse chiaro che fisicamente non avrebbe avuto il tempo giusto per recuperare abbastanza dal suo match precedente contro Anthony Yarde. Un match per lui quello di agosto dal bel dispendio di energie, giunto sino all’undicesimo round.

Dopo quella vittoria, seppur avvenuta prima del limite comunque sia estenuante, non ha avuto molto tempo per riprendersi ed è dovuto tornare molto presto al campo di allenamento per prepararsi al nuovo incontro. Tuttavia quella sontuosa borsa, nonostante le “notti insonni” passate, a suo dire, prima di accettare e le fatiche poi per attenersi alla clausola di reidratazione, ha fatto sì che acconsentisse a tutto questo: secondo quanto riferito, a Kovalev sono stati garantiti prima della sfida 12 milioni di dollari.

A causa di queste dichiarazioni hanno iniziato a diffondersi tante voci e a scatenarsi diverse accuse nei confronti di Canelo e del suo team, specialmente sollevate da suoi connazionali. Accuse che Reynoso non ha preso per niente bene e alle quali ha voluto così rispondere:

“Prima di tutto, desidero chiarire, come allenatore e manager di Saul, che non disidratiamo nessuno, nè sistemiamo o compriamo incontri o avversari. Ci siamo sempre adattati ai termini di tutti gli avversari, anche con (Floyd) Mayweather ad esempio: abbiamo accettato il suo accordo con un peso di 152 lb”, le sue parole a ESPN Deportes.

“Sembra che ci siano oscure intenzioni di screditare il nostro combattente e, soprattutto, cercare di minimizzare i suoi successi! Come veri fan e da veri messicani, dovremmo solo essere orgogliosi che in questo momento il miglior combattente al mondo sia un messicano”.

Condividi su:
  • 148
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

  • Renzo Di Napoli

    Ortiz è grande peccato che sia così avanti con l’età di questi brocchi ne avrebbe battuti due alla volta. Tutti ricorderemo la 7ma ripresa contro wilder passerà alla storia mentre la sua sconfitta a 40 anni ci può stare e con onore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X