fbpx

Quigley: “Io e Canelo come Rocky e Apollo Creed. Gli farò passare l’inferno”

Manca poco più di un mese e mezzo al ritorno sul ring della stella messicana, Saul “Canelo” Alvarez, ma ancora non giungono maggiori dettagli sul suo match. Prima che la pandemia da covid scuotesse il mondo, il campione WBA e WBC dei pesi medi e al contempo WBA dei supermedi, aveva in programma di risalire sul quadrato contro Billy Joe Saunders il 2 maggio, per poi tornarci il 12 settembre contro Gennady Golovkin.

Tuttavia, il particolare momento e le conseguenti restrizioni, non gli hanno reso possibile perseguire i piani come previsto. La pratica con il campione inglese non è potuta andare in porto: Saunders non ha accettato di combattere a settembre e adeguarsi ai ritocchi econonomici dettati dalle limitazioni ancora in corso. Il picchiatore kazako ha preferito, come da progetti pre-covid, procedere secondo i propri calcoli: ossia dirigersi, prima di riaffrontare per la terza volta Canelo, verso un incontro intermedio, che salvo imprevisti dovrebbe essere la difesa del titolo contro Kamil Szeremeta.

Nel frattempo sono stati diversi i nomi dei prossimi probabili avversari per Canelo balzati alla cronaca: da Callum Smith a David Lemieux, da John Ryder a Sergiy Derevyanchenko. Quest’ultimo che pareva tra i più vicini ad Alvarez, ha però scelto di affrontare il prossimo 26 ottobre, Jermall Charlo. Dunque la rosa pare esaurirsi, ma nulla è ancora detto, anzi piuttosto spuntano nuovi nomi. Il più recente è quello del contendente dei pesi medi, Jason Quigley.

Il pugile irlandese, anch’egli promosso dalla Golden Boy, salirebbe sul ring da grande sfavorito, ma nonostante questo sente di meritarsi l’occasione: “Il punto è questo. Abbiamo avuto un lockdown, abbiamo avuto il COVID, abbiamo avuto una grande pandemia e il mondo intero è un po’ in difficoltà, quindi questo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno: di una delle grandi superstar come Canelo e di uno come me, un grande sfavorito che arriva a prendersi questa enorme opportunità”, ha dichiarato allo show di AK & Barak.

Questo è qualcosa che darebbe speranza alla gente, soprattutto al popolo irlandese, ma anche a me stesso. Se questa sfida venisse fatta, sostenere me significherebbe davvero sollevare la nazione e sollevare il paese d’Irlanda. Sono stati tutti molto tristi per come sono andate le cose nel mondo negli ultimi mesi. Ora ne avremmo la chance. Sarebbe un po’ come quando Apollo Creed ha dato la possibilità a Rocky Balboa. Questo è ciò che lo rende così speciale e questo è qualcosa che posso garantire e promettere: se avrò questa opportunità, andrò lì e darò a Canelo l’inferno, al 100%, tutto quello che ho, ogni grammo di sangue verde dell’Irlanda che ho. Gli farò passare l’inferno”.

L’epilogo di Rocky II nella vita reale: Lee Roy Murphy vs Chisanda Mutti

 

Condividi su:
  • 67
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X