fbpx

Plant: “Serata storica contro Canelo. Il primo campione indiscusso nella storia dei supermedi? Io!”

Caleb Plant (21-0, 12KO) ha garantito che per la prima volta nella storia ci sarà un campione che riunificherà tutte e quattro le cinture nella divisione dei supermedi e che quel campione non sarà, come tutti si aspettano, Saul “Canelo” Alvarez (55-1-2, 37KO). Dopo la vittoria ottenuta contro il turco Avni Yildirim, la superstar messicana, già titolare delle cinture WBA e WBC, ha dichiarato di voler conquistare tutte e quattro le cinture in modo tale da entrare nella storia della boxe come il primo pugile a riuscire nell’impresa.

Plant, che detiene la cintura IBF della divisione, conquistata il 13 gennaio 2019 contro Jose Uzcategui, ha disputato tre difese del titolo. Dopo aver superato Mike Lee e Vincent Feigenbutz, lo statunitense ha fatto la sua ultima apparizione sul ring il 30 gennaio scorso, battendo ai punti Caleb Truax. Plant spera di affrontare Canelo per il mese di settembre: prima di quella data, infatti, dovrà attendere il match di riunificazione previsto per l’8 maggio tra il fuoriclasse di Guadalajara e Billy Joe Saunders, che stringe in vita la cintura WBO.

In primo luogo Canelo dovrà battere Billy Joe Saunders a maggio – ha dichiarato Plant – se riuscirà a batterlo e ad ottenere la cintura, allora spero di poterlo affrontare a settembre così da dare ai fan il match che vogliono. Sarebbe una serata storica che decreterebbe il primo campione indiscusso nella storia dei supermedi e saprete chi sarà? Caleb Plant“.

Plant ritiene il match tra Canelo e Saunders molto interessante e vede il messicano leggermente favorito rispetto al campione WBO. D’altro canto, parlando del match precedente di Alvarez, ha sottolineato tutti i limiti di un pugile come Yildirim.

Canelo è salito sul ring e ha fatto tutto quello che doveva fare, ha avuto successo imponendo la sua strategia. Credo che il suo avversario non abbia dato tutto sul ring, non ha portato via niente a Canelo. Quando al terzo rorund rimani seduto, significa che non hai dato il cento percento.

A questo livello, se vuoi diventare un campione unificato, fare la storia ed entrare nei libri di storia, devi andare là fuori e dare il massimo. Ho sentito che portava troppo rispetto a Canelo, forse era nervoso, ma in ogni caso Canelo ha fatto il suo lavoro e ora vediamo cosa succederà“.

De La Hoya: “Il fatto che Canelo stia salendo sul ring molto spesso è fantastico per tutti”

Condividi su:
  • 221
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X