fbpx

Pedraza:”Voglio un mondiale o a 135 o a 140 libbre”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  

Jose “Sniper” Pedraza, ex campione mondiale dei pesi leggeri e dei superpiuma, potrebbe essere alla ricerca di un titolo mondiale anche nei superleggeri. Sabato sera affronterà Antonio Lozada Jr. all’Osceola Heritage Park di Kissimmee, in Florida.

Lo scorso marzo a New York, Lozada ha scioccato gli esperti quando ha sconfitto Felix Verdejo. Una vittoria prima del limite maturata nel corso del decimo round che ha fatto perdere l’imbattibilità al talentuoso portoricano.

Pedraza ha ottenuto una chiara sconfitta nella riunificazione dei titoli mondiali dei pesi leggeri contro Vasiliy Lomachenko, l’ucraino ha travolto il portoricano mandandolo al tappeto ben due volte nel corso dell’undicesima ripresa.

Pedraza-Lozada sarà il match che farà da co-protagonista all’evento clou della serata che vedrà Masayuki Ito difendere il suo titolo WBO dei super piuma contro Jamel Herring (ESPN e ESPN Deportes, 10 ET ET).

Pedraza ha dichiarato:“Sono molto motivato per questa sfida. Lozada è un combattente molto pericoloso, e ha una boxe molto imprevedibile. È il tipico guerriero messicano che si fa avanti sempre e fa pressione in ogni momento, ma abbiamo lavorato molto duramente, e sono certo che uscirò vittorioso per tutto il Portorico.

Voglio vendicare la sconfitta del mio connazionale. Ma nonostante io e Verdejo siamo due  bravi fratelli portoricani, andrò ad affrontare Lozada per me stesso. Salirò su quel ring per vincere questa sfida”.

Pedraza sarebbe pronto ad una nuova sfida mondiale nei pesi leggeri, ma visto gli scenari che portano ad un titolo tutti bloccati, sta valutando l’ipotesi di salire nei superleggeri.  Infatti il portoricano in chiusura della conferenza ha dichiarato: “Dopo questa sfida vorrei tornare ad avere una nuova chance mondiale a 135 libbre, sperando che avvenga entro fine anno. Ma se non avrò questa possibilità, esaminerò le mie opzioni a 140 libbre. Mi piacerebbe diventare un campione del mondo in tre divisioni differenti”.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X