fbpx

Oscar Valdez positivo al doping. A rischio il match contro Conceicao del 10 settembre

Oscar Valdez trovato positivo ad una sostanza dopante dopo un test VADA. Per il momento però, in attesa di fare chiarezza, la sua sfida contro il brasiliano Robson Conceicao resta ancora in programma per il 10 settembre. Per il campione messicano, attualmente detentore del titolo WBC dei pesi superpiuma, si tratterebbe della sua prima difesa della cintura dopo la sua grandiosa vittoria sul suo connazionale Miguel Berchelt dello scorso febbraio.

A divulgare per primo la notizia del risultato ottenuto dal campione di urina A di Valdez è stato ieri sera il giornalista Mike Coppinger, notizia poi approfondita e chiarita poi dalle altre testate giornalistiche. Secondo le fonti di Boxingscene.com difatti, la sostanza incriminata sarebbe la fentermina, un farmaco simpaticomimetico ad azione anoressizzante che diminuisce l’appetito. Tale farmaco è comunemente prescritto per la perdita di peso, tuttavia l’attuale regolamento della World Anti-doping Agency non ne consente l’utilizzo. Sempre secondo quanto scoperto dal noto sito americano la quantità rilevata è stata molto bassa, tanto da essere stata ricollegata all’utilizzo di una semplice tisana; adesso si attende la controprova con il test sul secondo campione.

Nel frattempo l’avvocato del pugile ha inviato una lettera a WBC, VADA, Top Rank e alla tribù Pascua Yaqui dell’Arizona, stato che dovrebbe ospitare il match del campione messicano, per difendere la posizione del suo assistito: “In base alla mia esperienza e dopo aver discusso con il signor Valdez, ho una chiara idea sulla provenienza della sostanza: è più che possibile che sia stato da una tisana altrimenti innocua. Tuttavia, c’è un’importante questione di soglia che vorrei sottoporre alla vostra attenzione. La fentermina non è una sostanza vietata a questo punto della preparazione del signor Valdez”.

Il VADA però non fa distinzione tra l’assunzione prima o durante la competizione, tutte le sostanze presenti nel suo elenco sono ritenute vietate e tra queste c’è la fentermina. D’altro canto però l’agenzia antidoping non ha l’autorità per sospendere gli atleti, ma solo  il compito di riferire i risultati alla Commissione che regolamenta gli incontri nello stato che li ospita, ai partecipanti e ai rispettivi team. In questo caso la decisione spetterà alla tribù Pascua Yaqui dell’Arizona che presiederà l’evento.

Valdez: “La divisione è piena di talenti: realizzeremo grandi incontri!”

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X