fbpx

Oscar De La Hoya farà il suo ritorno sul ring contro l’ex MMA fighter Vitor Belfort

Oscar De La Hoya ha finalmente una data ed un avversario per il suo ritorno sul ring. L’ex “Golden Boy” ha manifestato la volontà di tornare a calcare nuovamente il quadrato da diverso tempo. In realtà lo ha dichiarato numerorossisime volte nel corso di questi anni senza poi concretizzare mai nulla, ma il 2020 e il ritorno di Mike Tyson ha inspirato un po’ tutti ed anche lui. L’estate scorsa affermava di voler rimettere i guantoni per affrontare i migliori del momento con la convinzione di potervi competere. Quelle parole però si sono ampiamente ridimensionate con il passare dei mesi e nella realtà hanno finito per aprirsi alla possibilità di inscenare delle semplici esibizioni.

Ad accapararsi l’esclusiva di questo suo rientro, così come tante delle altre esibizioni delle vecchie glorie del pugilato, da Iron Mike a Evander Holyfield, è stata la piattaforma d’intrattenimento Triller che negli ultimi dodici mesi circa ha deciso di investire fior fiori di milioni di dollari nella boxe. Nata come piattaforma musicale Triller è stata fino allo scorso anno una social video community al pari del celebre Tik Tok, ma ha poi desiso di lanciarsi nella nuova esperienza di trasmissione di eventi sportivi a pagamento. Oltre a questi “show” ha portato a casa anche la diffusione dell’incontro per il campionato mondiale unificato dei pesi leggeri tra Teofimo Lopez e George Kambosos, attualmente riprogrammato per il 14 agosto.

Oscar De La Hoya avrebbe dovuto riallacciare i guantoni il 3 luglio, tuttavia un mese fa Triller ha rinviato il suo ritorno e adesso è stato fissato per il prossimo 11 settembre a Las Vegas, in un luogo ancora da definirsi. L’ex pluridecorato campione del mondo dovrà vedersela con il “Phenom” brasiliano Vitor Belfort, vecchia stella delle arti marziali miste che nel pugilato ha disputato un solo match nel novembre 2006. Uno non combatte dal 2008, dall’incontro che lo ha visto arrendersi dinnanzi a Manny Pacquiao, l’altro dal 2018, dal KO subito in gabbia contro Lyoto Machida. 48 anni anni per De La Hoya, 44 per Belfort. L’esibizione si giocherà sulle dieci riprese e con indosso i guanti da 12 once. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli.

A tornare a settembre sarà anche l’ormai ex star di punta della Golden Boy Promotions, Saul Alvarez. Il campione messicano, che attualmente detiene i titoli WBA “super”, WBC e WBO dei pesi supermedi, tenterà l’assalto all’ultima cintura, l’IBF, che gli permetterebbe di aggiudicarsi il campionato indiscusso di categoria e che al momento è alla vita di Caleb Plant. Le due parti stanno lavorando affinchè l’incontro possa essere realizzato il 18 settembre a Las Vegas, per il consueto appuntamento di “Canelo” con il fine settimana dell’indipendenza messicana. Eddie Hearn che, come per gli ultimi tre match del rosso di Guadalajara, sta collaborando nell’organizzazione dell’evento, ha però dichiarato recentemente che stanno considerando anche l’ipotesi dell’11 settembre per via dei numerosi eventi in programma nella “città delle luci” in quel periodo e della difficoltà di trovare un posto dei principali vacante. Se la sfida di Canelo accadesse in questa data così come il ritorno di De La Hoya, il tutto sembrerebbe quasi come uno “scontro a distanza” tra loro: casualità da parte del promoter americano?

“Canelo: Road to Greatness”. DAZN lancia un documentario sul campione

 

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X