fbpx

Nigel Benn: “Non torno per soldi, ma per un desiderio che è dentro di me”

Un paio di settimane fa, la notizia: l’ex campione WBO dei pesi medi e WBC dei supermedi, il “Dark Destroyer” britannico Nigel Benn, alla soglia dei suoi 56 anni d’età e dei 23 di pensione ha deciso di regalarsi ancora una battaglia sul ring contro un altro ex campione delle 168 lb, il camerunense Sakio “The Scorpion” Bika.

Nigel Benn: basta pensione, a novembre torna incredibilmente sul ring!

Notizia che ha generato non poco chiacchiericcio, specialmente tra chi si è schierato a sfavore di tale scelta.

Tuttavia Benn ci ha tenuto a fare delle puntualizzazioni al riguardo per placare gli animi di tutti quanti. Innanzitutto sottolineando ancor una volta che la sfida sarà convalidata dal British and Irish Boxing Authority (BIBA) da cui hanno ottenuto l’approvazione e la licenza per combattere, ma soprattutto che, a differenza di quanto è stato detto, non ha avuto nessun rifiutato invece dal British Boxing Board of Control (BBBC).

“Posso confermare di aver presentato una richiesta formale solo alla British & Irish Boxing Autorithy (BIBA), ma rifiuto categoricamente le voci secondo le quali io abbia richiesto una nuova licenza con un altro ente accreditato. Pertanto, nego che mi sia stata rifiutata la licenza. La decisione di tornare a combattere è stata mia e, a differenza di tanti altri pugili, ho mantenuto la costanza negli allenamenti, oltre al mio stile di vita, sin dal mio ultimo combattimento contro Steve Collins”, sono state le sue parole.

“Riconosco i rischi associati allo sport e comprendo a pieno l’importanza di essere valutati completamente dai medici professionisti. Pertanto, ho accolto con favore i requisiti della BIBA che ha stabilito chiaramente che SONO “idoneo a boxare”. Ho subito numerose e periodiche indagini mediche per confermarlo, comprese periodiche elettroencefalografie. Nelle prossime settimane ho accolto (su richiesta della BIBA) un’ulteriore serie di test, tra cui un’altra scansione del cervello con risonanza magnetica per fornire un ulteriore ed evidente chiarimento  sul mio stato di salute. Inoltre la BIBA sta anche fornendo un’ulteriore protezione a bordo ring per il mio incontro (che supera di gran lunga i criteri di qualsiasi altra organizzazione sanzionatoria).

Il mio desiderio di boxare di nuovo è qualcosa che è rimasto dentro di me per diversi anni … È solo la MIA scelta, e non sono stato persuaso o costretto da nessun’altra persona. Mi sembra di essere discriminato a causa della mia età. Posso anche confermare che ho scelto di combattere contro un avversario che è un rinomato ex campione del mondo a pieno titolo. La sfida che mi sono posto è alta. Questa è una sfida difficile, ma sento che la devo perseguire per ottenere la chiusura finale e una pace interiore per me stesso come uomo. Non si tratta di soldi, si tratta di chiudere un desiderio che rimane nella mia mente, corpo e anima. Questo è il mio sogno e spero che i fan della boxe di tutto il mondo abbraccino i miei desideri e sostengano e rispettino il fatto che questa è solo una mia decisione”, ha concluso.

 

Condividi su:
  • 78
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X