fbpx

Contro Elorde 3ª difesa in 4 mesi per Navarrete: “A Las Vegas realizzo un sogno”

Ventiquattro anni, ventinove match, un titolo mondiale in tasca e ben tre difese in poco più di quattro mesi. Per il “Vaquero” messicano, il campione WBO dei pesi supergallo Emanuel Navarrete è una strada tutta in discesa alla quale si aggiungono via via tasselli.

Dopo sei anni e ventisei incontri in giro per il Messico, a dicembre dello scorso anno la chance iridata fuori dai confini, contro il forte ed imbattuto campione ghanese Isaac Dogboe alla sua allora seconda difesa della cintura. Al Madison Square Garden di New York la prestazione convince i giudici, che alla fine dei dodici round gli assegnano all’unanimità la vittoria ai punti e con essa il sogno mondiale.

Di lì in poi è una rapida escalation: a maggio 2019 riconferma il titolo di nuovo contro Dogboe che questa volta finisce al tappeto al dodicesimo round, il mese scorso si sbarazza del connazionale Francisco De Vaca in tre round e questo sabato sarà co-protagonista alla T-Mobile Arena di Tyson Fury mettendo in palio per la terza volta in pochissimo tempo la cintura contro il “Boss” filippino Juan Miguel Elorde.

Un fine settimana che sta particolarmente a cuore a tutti i messicani e a Navarrete stesso, che coincide con l’anniversario dell’indipendenza del loro Paese e con la festa nazionale. Anche se lo spettacolo è incentrato sulla sfida dei pesi massimi, il campione delle centoventidue libbre sa che i fan del suo popolo avranno gli occhi puntati sui loro conterranei.

“Ho sempre avuto il desiderio di voler combattere a Las Vegas come campione del mondo in un fine settimana di festa nazionale. Grazie a Dio, sabato, mi verrà data questa opportunità. È una grande motivazione per me ed è ua cosa molto speciale in questo momento della mia carriera esser qui a rappresentare il Messico in una sfida in scena a Las Vegas, è un sogno che diventa realtà”, le parole del “Cowboy”.

“Sto per affrontare un avversario molto forte, di una famiglia di pugili come gli Elorde, e che ha molte qualità, ma abbiamo fatto un’ottima preparazione e riporteremo a casa la cintura”.

In undercard anche altri messicani, tra i quali José “Chon” Zepeda che avrà di fronte il portoricano José “Sniper” Pedraza e l’ex campione del mondo Carlos Cuadras che affronterà il connazionale José María Cárdenas.

Condividi su:
  • 18
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X