fbpx

Morales: “Anche se è vecchio, Pacquaio può mettere Ryan a dormire in due round!”

“El Terrible” messicano Erik Morales non appoggia molto la scelta da parte di Ryan Garcia e Manny Pacquiao di affrontarsi l’un l’altro. Nelle ultime settimane l’ipotesi di un possibile match tra la stella filippina Pac-man e il neo campione WBC “ad interim” dei leggeri King-Ry si è fatta via via sempre più concreta. Entrambe le parti sembrano desiderose di mettere in scena questa sfida: nessun titolo in palio, probabilmente un incontro sulla distanza delle dieci riprese e al peso delle 143 libbre o addirittura anche solo un’esibizione. Un confronto però che metterebbe due generazioni faccia a faccia e genererebbe sicuramente molto interesse.

Ma se l’idea di un tale incontro alletta i due protagonisti e parte del pubblico, suscita invece qualche perplessità nell’ex campione di Tijuana, vecchia conoscenza di Manny. Come è noto, Morales e Pacquiao sono stati artefici di una fantastica trilogia tra il 2005 e il 2006 che ha coinvolto l’intero mondo. Nel loro primo match è stato il messicano a sfiorare la perfezione e ad aggiudicarsi la sfida ai punti. Nei due successivi è stata invece la furia del filippino ad avere la meglio e entrambi gli incontri sono finiti in suo favore per KO.

Secondo Morales l’incontro tra Pacquiao e il giovane pugile californiano, sarebbe uno scontro troppo impari e utile solo a generare un po’ di soldi. Preferirebbe piuttosto vedere altro: “Pacquiao-Ryan è un match molto sbilanciato. Anche se [Pacquiao] è vecchio, può mettere Ryan a dormire in due round!”, ha dichiarato a ESPN Deportes. “Penso che [Garcia] stia cercando di sfruttare il fatto di essere un pugile popolare. La realtà è questa, è già un campione, ma deve affrontare il meglio per consolidare il suo status perché lo è praticamente solo ad interim”.

Il senatore filippino, ormai 42enne, è lontano dal ring dal 20 luglio 2019, da quando ha battuto con una convincente performance l’ex campione WBA “super” dei pesi welter Keith Thurman. Garcia, 20 anni in meno, invece è fresco vincitore della sfida contro Luke Campbell del 2 gennaio scorso che gli ha permesso di portare a casa il WBC “ad interim” delle 135 libbre e guadagnarsi la chance al titolo. “Mi piacerebbe che Pacquiao combattesse contro Mikey Garcia, che fisicamente non è troppo grosso. Ci sono Spence e Crawford, ma Spence è molto grande, lui è duro, e Crawford è un buon pugile: non credo che li prenderebbe, sono pesi welter naturali, anche se il filippino sorprende sempre”.

Pacquiao perde il suo titolo WBA “super” e viene nominato campione in recesso

Condividi su:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X