fbpx

Mikey Garcia: “Ho perso e allora? Ho combattuto contro il migliore”

Il 16 marzo scorso, in Texas, Mikey Garcia (39-1, 30KO) ha registrato la sua prima sconfitta in carriera, battuto da Errol Spence Jr (26-0, 21KO) ai punti per decisione unanime. Per la maggior parte dei pugili, la sconfitta può essere considerata un passo indietro nella propria carriera, ma non per il quattro volte campione mondiale in altrettante divisioni di peso.

Garcia, infatti, ha da poco firmato un accordo da sette milioni di dollari con la Matchroom Boxing di Eddie Hearn per un incontro con Jessie Vargas (29-2-2, 11KO) da disputare al Fod Center at Te Star di Frisco, in Texas, il prossimo 29 febbraio. Vargas, un tempo campione mondiale WBA e IBO dei superleggeri e WBO dei pesi welter, sta cercando di rilanciare la sua carriera dopo la sconfitta subita nel 2016 contro Manny Pacquiao (62-2-2, 39KO). Il combattimento del 29 febbraio sarà trasmesso su DAZN.

La mia testa non concepisce la sconfitta e continua ad andare avanti mantenendo uno spirito positivo – ha dichiarato Garcia a BoxingScene.com – le sconfitte fanno parte del pugilato. Ho perso e allora? Ho combattuto contro il miglior pugile della divisione, salendo di due categorie di peso. Perché dovrei essere triste e piangere? Se dovessi continuare a soffermarmi sul passato, allora sarei depresso. Non è quello che sono. Per me non è successo assolutamente nulla. Continuo per la mia strada perché sto facendo bene“.

Qualora Garcia dovesse superare l’ostacolo rappresentato da Vargas, per lui si aprirebbe una strada che porta a Pacquiao. Tornando al match con Spence, Garcia ha spiegato le ragioni della sconfitta: “Nel mio ultimo match non ho dato il meglio di me stesso. Lo so per certo e anche i miei fan sono convinti che potevo dare di più. Contro Spence sono apparso lento e stanco. Tutto ciò che poteva andare storto p andato storto e non c’era nient’altro che potessi fare. Ora voglio dimostrare di essere più veloce, più intelligente e più forte“.

 

Condividi su:
  • 144
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X