fbpx

Mike Tyson: “Fury? Una possibilità. Quanti enti di beneficienza possiamo aiutare?”

“Iron Mike” Tyson (50-6, 44KO) sta iniziando a promuovere il suo match di esibizione contro Roy Jones Jr (66-9, 47KO). In origine l’incontro era previsto per il 12 settembre ma stando alle ultime indiscrezioni, il match è slittato al 28 novembre. Tyson, che non sale sul ring dal lontano 2005, ha deciso di tornare ad indossare i guantoni per scopo benefico, in un match di esibizione della durata di otto riprese.

La scorsa settimana Iron Mike è stato ospite del Dan Patrick Show, dove ha avuto modo non solo di promuovere il match ma anche di spiegare come si svolgerà: “Un’esibizione significa che due persone combattono anche se non lo si chiama match”. Alla domanda del presentatore riguardo la veridicità dell’incontro, l’ex stella dei pesi massimi ha risposto in questo modo: “Più o meno sì. Questa è la mia definizione di divertimento: orbite rotte, mascella rotta e costola rotta. Per me è divertente“.

Andy Foster, direttore esecutivo della Comissione Atletica dello Stato della California, ha dichiarato che il match si sta surriscaldando e che il compito dell’arbitro Ray Corona sarà quello di raffredare l’azione senza però uccidere il tutto.

Volevo solamente avere la garanzia da parte loro sul fatto che avessero capito – ha dichiarato Fosternon mi interessa se fanno sparring, non mi interessa se lavorano, sono tutt’oggi atleti di fama mondiale. Hanno tutto il diritto di guadagnarci. Hanno più o meno la stessa età. Tuttavia non possiamo ingannare il pubblico facendogli credere che si tratti di un vero match. Potrebbero farsi prendere un po’ la mano, ma non voglio che si facciano male. Entrambi sanno quali sono i patti”.

Tyson, 54 anni, ha dichiarato di essere  in uno stato di forma nettamente migliore rispetto al suo ultimo incontro disputato, e perso, contro McBride, nel 2005. “Non mi ero davvero allenato (per McBride, ndr), non ero eccitato per quel match. Per me  si trattava di una banale giornata in ufficio”. Inoltre, Tyson non ha escluso un potenziale terzo incontro con Evander Holyfield, di cui tanto si era chiacchierato nei mesi scorsi: “Resta sul tavolo, anche se credo che la gente volesse Roy“.

Tyson non si è limitato a parlare di possibili match a scopo benefico contro ex campioni, bensì ha allargato la cerchia anche ai campioni mondiali del momento, come Tyson Fury che, tra l’altro, si chiama così proprio in suo onore.

Fury? Può essere una possibilità. Quanti enti di beneficienza possiamo aiutare? Lo affronterò. Combatterò contro chiunque per questo scopo. Non lo faccio per denaro ma per ciò che si può fare con esso. Non ho mai pensato di rientrare sul ring per tornare a combattere, ma questo è divertente. Vediamo quante persone e associazioni di beneficienza possiamo aiutare e per quanto tempo posso restare in giro e resistere. Al momento mi sento abbastanza bene. Sono pronto e spero che questa cosa vada nel modo in cui ho previsto“.

Continua a crescere l’evento Tyson-Jones: svelati nuovi dettagli e altri protagonisti

Condividi su:
  • 1.6K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

One comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X