fbpx

Mayweather: “Canelo ha studiato le mie mosse e sta facendo un sacco di rumore nella boxe!”

Secondo Floyd, Canelo ha studiato i suoi movimenti.

Mayweather è in tour in Gran Bretagna. L’ex stella della pugilato, tra le tante cose, si sta impegnando a cercare nuovi investimenti da portare a termine con i propri soldi. L’ultimo in fondo alla lista quello di un probabile acquisto di una delle squadre di calcio in Premier League, il Newcastle. Ma oltre a questo, la scorsa domenica è stato anche ospite di un evento organizzato al Magna Events Centre di Rotherham durante il quale ha avuto modo di incontrare numerosi fan, di discutere della boxe britannica e di rispondere a qualche domanda circa gli ultimi sviluppi sul mondo del nostro sport.

In particolare ha elogiato il contendente inglese Billy Joe Saunders, campione mondiale WBO in carica dei supermedi e nel passato dei medi, e non solo. Tuttavia vista l’imminente sfida con Saul Alvarez in maggio, della quale si è parlato negli scorsi giorni e si attende l’ufficialità, “The Money” ci ha tenuto anche a mettere in guardia il 30enne di Hatfield da Canelo.

Floyd ha dapprima urlato alla platea: “Non avete Kell Brook? Kell Brook è un gran combattente! Anche Billy Saunders viene dal Regno Unito: io penso che entrambi siano tra i migliori pugili del Regno Unito”.

Poi interrogato sul prossimo appuntamento di Saunders ha risposto al pubblico e così proseguito: “Tutto può succedere nello sport della boxe… Ma Billy deve saperlo: nel mio match con Canelo ho usato certe angolazioni (nel portare i colpi) e posso dire che Canelo abbia visto i miei video e abbia studiato le mie mosse. Ha combattuto contro GGG, ha battuto Sergey Kovalev, quindi Canelo sta facendo un sacco di rumore nello sport della boxe, non voglio che Saunders sottovaluti tutto questo. Ma penso che sarà una sfida indiavolata”.

Alvarez è difatti considerato tra i migliori pugili del momento: la sua ultima vittoria contro Sergey Kovalev gli ha fatto guadagnare il primo posto nella classifica pound for pound. E mentre in molti sono concordi su questo, Floyd non lo è: “Ci sono un paio di ragazzi che sono lassù in pound for pound… In questo momento, se dovessi dire chi è il ragazzo numero uno non lo direi… solo perché lo promuovo io!”.

 

 

Condividi su:
  • 200
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X