fbpx

Magnesi vs Encarnacion e El Harraz vs Boezio: due grandi sfide nella “Nuvola”

Condividi su:
  • 89
  •  
  •  

Domenica sera presso il Roma Convention Center – La Nuvola andrà in scena una riunione targata BBT di notevole interesse per il nostro pugilato nazionale. Michael Magnesi (13-0-0, 5 KO), uno dei prospect italiani più interessanti, affronterà il giramondo spagnolo di origini dominicane Ruddy Encarnacion (39-27-4, 18 KO) detto “El Lobo Negro” per il titolo IBF del mediterraneo dei pesi superpiuma. Nella stessa serata Khalil El Harraz (9-0-1, 0 KO) e Marco Boezio (6-3-1, 1 KO) si contenderanno il vacante titolo italiano dei pesi medi.

Per Magnesi un test da non prendere sottogamba

Il record di Ruddy Encarnacion, letto superficialmente valutandone soltanto i freddi numeri, potrebbe far pensare a un collaudatore di scarsa pericolosità. In realtà lo spagnolo, nonostante i 40 anni compiuti e le innumerevoli battaglie sostenute, è un fighter che vende cara la pelle e che in più di una circostanza è stato capace di riservare amare sorprese agli atleti di casa favoriti nei pronostici. Senza andare troppo lontano nel tempo, basta ricordare che nel 2017 “El Lobo Negro” ha battuto in Belgio in beniamino locale Jean Pierre Bauwens; pochi mesi fa ha invece fatto vedere i sorci verdi al nordirlandese Marco McCullough nella sua Belfast atterrandolo con un destro nel nono round e venendo superato di poco ai punti. Magnesi dovrà quindi presentarsi al meglio per riuscire a imporsi in maniera convincente e dare seguito al processo di crescita che in meno di tre anni lo ha condotto dall’esordio nel professionismo alla conquista del titolo italiano. Il 24enne picchiatore laziale ha impressionato molti osservatori nelle sue recenti vittorie sfoderando un ritmo indiavolato, una notevole pulizia tecnica e una grande varietà di colpi e sembra pronto ad essere catapultato verso traguardi più prestigiosi. Il match di domenica potrebbe darci conferme in questo senso.

Boezio alla conquista di Roma: atto secondo

Quando Marco Boezio si è presentato al Foro Italico di Roma lo scorso settembre per contendere all’idolo locale Mirko Geografo il tricolore dei pesi medi, in pochi gli davano concrete chance di trionfo. Ci si attendeva infatti una netta affermazione del pugile di casa, rinvigorito dal precedente successo sul più blasonato Domenico Spada, portato a scuola da Geografo con incredibile disinvoltura. Contrariamente alle previsioni tuttavia Boezio, dopo un inizio leggermente contratto, offrì una performance di grande sostanza venendo superato sui cartellini di un’incollatura benché meritasse a parere di chi vi scrive di portarsi a casa la cintura. Ora il pugile di Capurso avrà una nuova opportunità ma ad attenderlo ci sarà un ostacolo tutt’altro che semplice: Khalil El Harraz è infatti ancora imbattuto da professionista e ha tutta l’intenzione di giocarsi al meglio le proprie carte per far suo il titolo nazionale. L’atleta di padre marocchino e madre italiana è un pugile molto aggressivo e determinato, amante della corta distanza e dello scambio ravvicinato, motivo per cui contro un attaccante come Boezio dovrebbe dar vita a una contesa divertente ed emozionante, in grado di infiammare il pubblico.

Per quanto concerne i restanti match della serata merita di essere menzionata la finale del torneo WBC-FPI dei pesi superleggeri tra Luca Papola ed Ennio Zingaro oltre ai match di collaudo che vedranno protagonisti Mauro Forte, Francesco Russo e Pietro Rossetti.

Supportaci :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X